EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Lago Maggiore | 24 Agosto 2020

Ennesima tragedia nel Lago Maggiore: ventenne si tuffa e non riemerge

L'episodio è accaduto ieri ad Arona, dove un giovane marocchino ha perso la vita dopo essersi immerso in acqua. A nulla sono valsi i soccorsi dei vigili del fuoco

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

È stato ritrovato nel tardo pomeriggio di ieri – domenica 23 agosto – il corpo del ventenne di origine marocchina annegato nelle acque del Verbano, ad Arona.

Proveniente da Fagnano Olona, il giovane era giunto nella cittadina lacustre sulla sponda piemontese del Lago Maggiore per trascorrervi la domenica. Dopo aver fatto amicizia con altri due ragazzi, con cui ha trascorso la giornata, ha deciso di tuffarsi per un bagno e non è più riemerso. Sono stati proprio i suoi nuovi amici a lanciare l’allarme e a far scattare la macchina dei soccorsi.

I vigili del fuoco, immediatamente intervenuti sul posto, si sono dati da fare per cercare e infine per recuperare il corpo del giovane, per il quale non c’è stato nulla da fare. A quanto è emerso dalle prime ricostruzioni, il ventenne non sapeva nuotare e si è immerso in un punto nel quale non era consentita la balneazione.

Si tratta, quindi, di un altro tragico episodio fra i molti che in questo 2020 stanno funestando molte giornate estive sulle sponde del Verbano, comprese quelle dell’alto Varesotto. Solo una decina di giorni fa, infatti, era stata un’adolescente di origine egiziana a perdere la vita inabissandosi alla foce del Tresa, a Germignaga – fatto, quest’ultimo, che non ha mancato di riaccendere i riflettori su un argomento molto sentito da cittadini e amministrazioni locali. (Immagine di repertorio)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127