Cuasso al Monte | 12 Agosto 2020

Cuasso, “No allo smantellamento dell’ospedale”. Il comitato chiede aiuto ai sindaci

Pronti i banner con gli slogan contro il depotenziamento della struttura. La richiesta è che vengano esposti pubblicamente per sensibilizzare la comunità del Ceresio

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Il comitato a difesa dell’ospedale di Cuasso al Monte prosegue la sua opera di sensibilizzazione e protesta per il rischio di smantellamento della struttura che si è palesato a seguito dei difficili mesi dell’emergenza sanitaria e in particolare del lockdown, durante il quale la struttura è stata convertita in “centro Covid” per rispondere alle criticità di spazi ricettivi e posti letto, nel periodo in cui il coronavirus ha mostrato tutta la sua pericolosità, mettendo in ginocchio l’intera Lombardia.

La volontà del comitato, a seguito dei dubbi già espressi e del timore che nulla tornerà come prima, quando sui tavoli della sanità territoriale vi erano i progetti e le prospettive di rilancio dell’ospedale, è quella di coinvolgere i sindaci e le comunità del Ceresio nell’attività di sensibilizzazione. Per farlo, come si apprende da una lettera firmata da Gian Battista Seresini e Angelo Ferrarello, membri del comitato, è nata l’idea di realizzazione dei banner da esporre pubblicamente nei comuni individuati, dove i primi cittadini sono già stati informati dell’iniziativa e dello striscione loro destinato.

Per Lavena Ponte Tresa il banner “A Cuasso ripristinare Riabilitazione, Diagnostiche e Servizi ambulatoriali”; per Ponte Tresa quello recante la scritta “Cuasso c’era, c’è e ci sarà solo se lo vuoi tu!”; per Brusimpiano l’appello “Ospedale di Cuasso: sanità pubblica, non privata”; per Besano un’ulteriore richiesta: “A Cuasso ripristinare Riabilitazione, Diagnostiche e Servizi ambulatoriali pubblici”, e infine per Marchirolo il seguente messaggio: “L’ospedale di Cuasso è di tutti i cittadini! Non si regala!”.

“Queste sono le nostre proposte – sottolineano i due firmatari della missiva inoltrata ai sindaci Massimo Mastromarino, Fabio Zucconelli, Leslie Mulas e Bernardino Busti – se accolte chiediamo che le esposizioni siano gratuite. Chiediamo inoltre indicazione per una collocazione il più visibile possibile sui territori“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127