Luino | 25 Luglio 2020

Appello di Anffas al Parlamento, i “caregiver familiari non possono più aspettare!”

Continua la battaglia di Anffas per riconoscere il ruolo dei caregiver familiari, dopo i recenti avvenimenti di Saltrio.

Tempo medio di lettura: 3 minuti

In seguito ai recenti avvenimenti riguardanti il caso di omicidio-suicidio di Saltrio, il quale ha visto coinvolti il giornalista della Radio della Svizzera in pensione, Gualtiero Gualtieri, e la giovane figlia Gea cieca e invalida al 100%, conclusasi purtroppo tragicamente, l’Anffas Luino diventa cassa di risonanza anche nel territorio dell’alto Varesotto, per l’ appello diretto al Parlamento direttamente dall’associazione nazionale.

L’appello richiede che venga approvata una legge sui caregiver familiari, affinchè questa figura possa ottenere il riconoscimento e gli ausili che le spetta, visto che anche durante l’attuale pandemia, le famiglie delle persone affette da disabilità sono state spesso lasciate totalmente sole ad affrontare la gestione dei disabili a proprio carico.

Non è nuova la battaglia che la più grande associazione italiana di famiglie di persone con disabilità intellettive e del neurosviluppo sta combattendo per i diritti dei caregiver familiari, è da anni che l’Anffas tenta di portare avanti questa lotta, sfortunatamente senza successo.

Riportiamo di seguito la lettera di Anffas, rivolta al Parlamento.

L’APPELLO DELLE FAMIGLIE ANFFAS: “I CAREGIVER FAMILIARI NON POSSONO PIÙ ASPETTARE!”

Sì ad una legge che riconosca, valorizzi e sostenga il ruolo dei caregiver familiari. Le 14.000 famiglie associate ad Anffas, che da sempre si battono per vedere riconosciuta ed adeguatamente sostenuta la figura del caregiver familiare, auspicano che il Parlamento approvi al più presto una apposita legge in merito.

A tal fine Anffas ha depositato presso la 11^ Commissione del Senato un proprio articolato testo emendativo (in linea con analoghe proposte di Fish e Forum del Terzo Settore), i cui punti ritenuti maggiormente qualificanti sono:

–  il ribadire che il caregiver familiare non sostituisce gli interventi, le prestazioni ed i servizi di cui può essere beneficiaria la persona assistita, ma li integra e li valorizza nell’ottica di una proficua collaborazione tra i diversi soggetti, a vario titolo coinvolti;
–  il contribuire a costruire un contesto inclusivo e solidale, dove al centro ci sia sempre la persona, perseguendone la migliore qualità di vita possibile nel rispetto del proprio progetto individuale di vita;
–  il chiarire che il mettersi a disposizione per l’attività di cura da parte del caregiver deve rappresentare una scelta volontaria per concorrere, all’interno di una serie integrata di servizi, al percorso di vita della persona di cui si prende cura e carico e con l’assenso di quest’ultima;
–  la necessità di intervenire verso quei caregiver, in genere donne, che hanno svolto, nella loro vita, attività di cura soprattutto in un percorso di lunga assistenza, ma senza alcun concreto riconoscimento e supporto;
–  il riconoscere il lavoro di cura prestato, garantendo anche una specifica tutela pensionistica previdenziale;
–  il prevedere la possibilità di optare, in alternativa, per la corresponsione di un’indennità economica;
–  il prevedere la tutela della salute e dell’equilibrio psico-fisico del caregiver, garantendo la possibilità di avere propri spazi, proprie necessità ed una propria vita.

Si deve prendere atto che non si può più attendere ulteriormente per avere una legge sui caregiver familiari, visto che anche durante l’attuale pandemia le famiglie delle persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo e non autosufficienti sono state lasciate da sole ad affrontare un carico spesso molto al di là delle loro stesse forze. Ciò a causa della totale mancanza di una adeguata rete di servizi e sostegni.

Si tratta, in buona sostanza, di mettere in atto una serie diversificata di soluzioni che vada dall’accesso ai servizi di sollievo appositamente dedicati ai caregiver, al riconoscimento economico e previdenziale soprattutto delle mamme che hanno dovuto, loro malgrado, abbandonare il lavoro per dedicare la loro vita ai propri cari con gravi disabilità, alla previsione ancora di sistemi assicurativi volti a garantire sia il caregiver che la persona con disabilità ed alla costruzione e sostegno di risorse informali che i territori possono attivare e promuovere, anche grazie all’attivo coinvolgimento degli enti del terzo settore e delle reti di volontariato.

In questa direzione, con spirito collaborativo e propositivo, va la proposta di Anffas, la più grande associazione italiana di familiari delle persone con disabilità (caregiver da sempre), che non può, e speriamo non lo rimanga, restare inascoltata.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127