Luino | 9 Luglio 2020

Colmegna, clacson e piante sulla strada tornano ad agitare la comunità

Nuovi appelli su sicurezza e quiete pubblica dai residenti di via Berra e via Torretta. Meno di un anno fa l'ordinanza contro i segnalatori acustici sui tornanti

Tempo medio di lettura: 2 minuti

I lavori di manutenzione sui viadotti della strada statale 394, nel tratto tra Luino e Maccagno con Pino e Veddasca, proseguono in direzione del nuovo termine, ora indicato per il prossimo 21 ottobre, dopo la sosta a causa del coronavirus (fortunatamente gestita in forma “ridotta” fino all’1 aprile), e a fronte di una percentuale di completamento che ad oggi è vicina al 30%.

La ripresa delle attività sui cantieri durante il lockdown ha trasmesso fiducia agli operatori di Anas e agli amministratori dei due territori coinvolti. Lo stesso però non si può dire per una parte di residenti della frazione luinese di Colmegna. Sono le stesse persone che da tempo fanno sentire la propria voce per due criticità che tra via Berra e via Torretta – strade a tornanti che salgono verso la valle – non solo influiscono sulla quiete pubblica, ma rappresentano una questione in termini di sicurezza che resta tutt’ora irrisolta.

Le piante in vari punti invadono infatti la carreggiata e ostruiscono la visibilità di chi transita, tra abitanti, turisti e in parte anche frontalieri che di ritorno da Zenna scelgono di tagliare l’eventuale coda al semaforo. Vi è poi la problematica, altrettanto sentita, dell’eccessivo impiego del clacson tra un tornante e l’altro, per la quale la scorsa estate il Comune di Luino, tramite ordinanza della Polizia locale, aveva imposto il divieto di segnalazione acustica in via Berra, dopo ripetuti ed esasperati appelli per la situazione, relativa anche alle ore notturne.

Alcuni abitanti nelle scorse ore sono tornati a sfogarsi tramite le pagine de La Prealpina: “Abbiamo chiesto al Comune di Luino di poter avere in tutte le curve un cartello con il divieto di suonare ed il limite di trenta chilometri orari – si apprende dalle parole di chi abita in via Berra e in via Torretta, riportate dal quotidiano locale -. Sono stati posizionati alcuni specchi ma non bastano, secondo noi, ci vogliono quelli grandi per poter avere un’adeguata visibilità. Siamo consapevoli che c’è molto da fare, che la città è grande ma anche noi che viviamo qui meritiamo considerazione. Non sono problemi piccoli o di poco conto, abbiamo comprato casa qui proprio per la tranquillità e ci ritroviamo a confronto con un crescente rumore che non dipende solo da questi mesi di cantieri“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127