Porto Ceresio | 8 Luglio 2020

Porto Ceresio, Jenny Santi risponde alla minoranza: “Accuse prive di fondamento”

Botta e risposta sulla crisi di giunta. Dopo le critiche contenute nella lettera di ieri, la prima cittadina Jenny Santi replica con l'elenco delle cose fatte

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Dopo il silenzio a seguito delle dimissioni del consigliere di maggioranza Monia Casale, il sindaco di Porto Ceresio – Jenny Santi – torna a pronunciarsi sulla crisi politica in atto nel paese lacustre.

Lo fa a ventiquattro ore di distanza dalla lettera del gruppo consiliare di minoranza inoltrata al nostro quotidiano, nella quale vengono elencate da una parte le cause della profonda crisi che ha colpito la giunta, e dall’altra le ragioni di quello che per il gruppo è stato un vero e proprio fallimento nella gestione amministrativa degli ultimi anni, tra mancate spese di investimento e scarsa manutenzione. Sono soprattutto questi ultimi due punti, inseriti nella dura critica della minoranza, ad aver stimolato la reazione della prima cittadina, che rispondendo alle accuse descrive uno scenario completamente diverso da quello emerso nella missiva di ieri.

Prima però c’è la questione crisi: “Sono totalmente prive di fondamento le accuse che portano la firma della minoranza – afferma Santi – e a testimoniarlo sono le stesse relazioni sottoscritte da chi è intervenuto durante l’intervento per la messa in sicurezza del marciapiede di via Matteotti. Infondato anche ciò che viene detto sull’ultimo consiglio comunale: la risposta del sindaco alla minoranza non era dovuta, non essendo un tema all’ordine del giorno. Eppure mi sono premurata di rispondere nella totale trasparenza“.

Chiarita la linea sull’ormai nota vicenda di viabilità pedonale e sicurezza – la cosiddetta punta dell’iceberg nella rottura dei rapporti tra il sindaco e i suoi più stretti collaboratori -, la sferzata sul tema della balneabilità del Ceresio è tra quelle che hanno lasciato particolarmente il segno. “Avevo già spiegato alla cittadinanza la scelta dello scorso anno di non consentire la balneabilità in via precauzionale – prosegue Santi – in quanto accanto ad una qualità definita ‘sufficiente’ nel 2019 da Ats, permanevano criticità sul torrente Vallone. Criticità venute meno grazie ad un’analisi puntuale delle condotte effettuata dal comune in collaborazione con i carabinieri forestali. Un impegno, quello per il risanamento del lago, riconosciuto anche dal tavolo italo-svizzero che si è tenuto giovedì scorso e che ha decretato la revoca del divieto e l’apertura della balneabilità sulle nostre spiagge, grazie alla qualità ‘buona’ rilevata”.

La nota più dolente è però quella che contiene l’accusa di aver portato l’amministrazione all’inattività sui due fronti sopracitati: spese di investimento e manutenzione. “Si ricordano le asfaltature di via Fornasotto, via Farioli, via Piave, con anche la realizzazione di una nuova condotta idrica – elenca e sottolinea il sindaco – via Belvedere, via Fiorita, via Ciclamini, via Ticli, piazzale Matteotti, piazzale Luraschi, piazzale Pozzi, piazzale della caserma dei carabinieri, piazzetta Bossi e piazzetta San Giuseppe, mentre ora sono in corso gli appalti per la via del Sole, con il rifacimento della rete idrica, via Bertolla ed un tratto di via dei Ronchi”.

L’emergenza Covid ha influito sulle già lente procedure burocratiche legate all’assegnazione degli appalti, ma ci sono altri aspetti che il sindaco rivendica a dimostrazione dell’impegno profuso dalla squadra di governo comunale: gli investimenti sulla scuola (sistemazioni esterne e interne, rinnovo delle attrezzature), digitalizzazione dei principali parcheggi (Amato Centurioni, piazzale Appiani, piazzale Pozzi), riqualifica dell’immobile dell’ex dormitorio (con un finanziamento europeo da 500mila euro), pulizia e manutenzione dei principali torrenti (con più di 100mila euro stanziati tra lo scorso anno e gli ultimi mesi, con fondi regionali e del comune, per la cura dei corsi d’acqua che attraversano le aree residenziali).

L’ultimo pensiero va ai cittadini, con una richiesta rivolta a tutta la comunità: “Non limitatevi a fare segnalazioni su Facebook – conclude Santi – ma inviatele direttamente all’Ufficio tecnico e alla Polizia locale, in modo che possano rispondervi celermente”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127