Luino | 9 Giugno 2020

Un comitato a Luino per dire “No” al referendum sul taglio di deputati e senatori

L'idea è del luinese Alessandro Franzetti, che lancia anche una proposta all'onorevole Niccolò Invidia per un confronto pubblico su questo tema

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Ho intenzione di fondare un comitato luinese per il NO al referendum costituzionale confermativo che prevede il taglio da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori“. Ad annunciarlo è Alessandro Franzetti, 36enne luinese noto per aver ricoperto ruoli istituzionali nel primo mandato dell’amministrazione del sindaco Andrea Pellicini, e attualmente candidato alle prossime elezioni amministrative.

Sono contrario perché si tratta di una riforma ideologica oltre che pericolosa – continua Franzetti -. Infatti è il naturale approdo demagogico di quella forza che inizialmente era antisistema e ora è l’emblema del sistema partitocratico che é il Movimento 5 Stelle, che ha convinto pure gli altri partiti (in primis Lega e Fratelli d’Italia e poi il PD per mero calcolo politico) portandoli verso la deriva del populismo democraticistico, che nulla ha a che fare con la democrazia”.

“Il vero obiettivo dei grillini è sostituire la nostra democrazia parlamentare rappresentativa con un sistema plebiscitario di democrazia diretta – va avanti ancora il 36enne luinese -. Alle elezioni libere sostituirebbero volentieri un click sulla piattaforma Rousseau. La loro unica argomentazione è quella del risparmio di risorse, ma ricordo a tutti che si risparmierebbero pochi milioni di euro al fronte della perdita di rappresentanza di interi territori. La democrazia prevede dei costi che é giusto mantenere, e non abolire per un pauperismo da due soldi”.

“Mi chiedo come si possa mutare così radicalmente il nostro parlamento solo perché Grillo e compagni vogliono compiere un attacco così forte alla nostra liberaldemocrazia. Temo che persino alcuni ministri grillini non abbiano letto per intero la Costituzione… quindi invito chiunque la pensi come me indipendentemente dal suo colore politico a unirsi in questa battaglia di verità costituzionale. E propongo all’onorevole Niccoló Invidia, amico che stimo, un confronto pubblico su questi temi. La battaglia politica può, anzi, deve essere aspra ma solo sui contenuti, mentre il rispetto delle singole persone mai deve venire meno. Io in politica ho avversari, non nemici”, conclude Franzetti.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127