Luino | 26 Maggio 2020

Coronavirus, Luino: “Chiuse fino al 2 giugno le aree gioco per i bambini”

Inaccessibili per ragioni di sicurezza e di gestione gli spazi all'interno dei parchi. Il sindaco risponde ad una nostra lettrice: "Progettiamo la riapertura"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Hanno riaperto ristoranti, bar e negozi ma ai nostri bambini chi ci pensa? Sembra che lo Stato si sia dimenticato di loro, del modo in cui amano trascorrere il tempo libero, soprattutto durante la bella stagione, e delle loro ore di svago all’aria aperta”.

A fare queste considerazioni, chiedendo inoltre chiarimenti su alcune linee dell’ultimo Dpcm, è una signora luinese. Lo stimolo che ha portato alla riflessione, condivisa con il nostro giornale, arriva dalla situazione attuale dei due piccoli nipotini della donna (di sei e quattro anni). I chiarimenti riguardano l’incognita delle zone gioco presenti all’interno di aree verdi e parchi che, dopo la fine del lockdown, non hanno riaperto i battenti salvo singoli casi.

La decisione della riapertura spetta infatti ai proprietari, che nel caso delle aree pubbliche sono le amministrazioni comunali, frenate laddove permane il divieto di accesso, dalla difficoltà nel fare fronte alle sopracitate linee governative, inerenti l’organizzazione di tali spazi in condizioni che, come ben sappiamo, rimangono di emergenza.

Due gli obblighi principali per i gestori, su cui grava il peso di reperire le risorse, non solo in termini economici ma in particolare rispetto alle figure cui assegnare specifiche funzioni. La prima è di supervisione, dei parchi e della corretta fruizione delle strutture da parte dei frequentatori, che se minori di quattordici anni devono essere necessariamente accompagnati da un adulto. In secondo luogo c’è poi l’aspetto della pulizia frequente dei giochi e più in generale delle superfici. Più volte al giorno.

“Sono mesi che i nostri piccoli sono costretti a stare buoni e ad ubbidire come soldatini – scrive l’autrice della lettera che abbiamo ricevuto -. Credo che sia arrivato il momento di poterli portare a giocare. Nessuno tra coloro che hanno il potere di decidere, e di orientare le scelte, si è domandato quale possa essere il loro stato d’animo dopo tutto questo caos? Dopo i due mesi che abbiamo passato?“.

A intervenire sul punto, per quanto riguarda la situazione dei parchi luinesi, alla luce delle criticità sopra evidenziate, è il sindaco Andrea Pellicini: “Fino al 2 giugno terremo i parchi giochi chiusi – fa sapere il primo cittadino -per attenerci alle misure di sicurezza in vigore. Nei prossimi giorni, però, studieremo qualcosa al riguardo, allo scopo di progettare la riapertura”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127