Luino | 25 Maggio 2020

Dal Parco Giona a Luino e Germignaga, spiagge prese d’assalto

Tutte le spiagge, fino a Laveno, hanno accolto centinaia e centinaia di bagnanti. Fabio Passera: "Era un delirio, speravo fossimo diversi, ma temo non sia così"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Le spiagge da Luino a Maccagno con Pino e Veddasca, passando per Colmegna, sono state prese d’assalto ieri, nella prima domenica dopo l’allentamento delle misure del lockdown.

Tanta voglia di divertirsi e di svagarsi al sole qualche ora, in compagnia di amici e familiari, soprattutto al Parco Giona, dove erano centinaia i presenti tra luinesi e milanesi: giovani che giocavano con il pallone, bambini che correvano felici e sorridenti tra le altalene e scivoli del parco giochi presente nella nota spiaggia di Maccagno.

A parte qualche piccolo assembramento di ragazzi, la giornata si è svolta regolarmente: nessuna sanzione e mascherine indossate. Non ovunque, però. È bastato qualche richiamo e, soprattutto i ragazzi, hanno rispettato distanze e misure di sicurezza.

“Quella di ieri è stata una bellissima giornata, sembrava di essere tornati ad un anno fa, quando le persone affollavano l’intero Parco Giona sfruttando le calde giornate estive – commentano Andrea Brocchieri e Andrea Ranzoni, gestori del ‘Giona Beach and Lounge Bar’ -. Abbiamo cercato di far rispettare a tutti le misure di sicurezza, facendo indossare le mascherine come da disposizioni di Governo e Regione. Non abbiamo riscontrato grandi problemi con i clienti, anche se le preoccupazioni sono tante. Stiamo cercando di ripartire, ma è fondamentale evitare il contagio e la diffusione del virus, anche e soprattutto in questa fase 2, nonostante ci rendiamo conto che è grande la voglia di trascorrere qualche ora al caldo in riva al lago”.

Per ridurre al minimo la diffusione del virus nel prossimo weekend verranno messe in atto ulteriori misure di vigilanza, in modo tale da evitare qualsiasi situazione di pericolo non solo tra i ragazzi ma anche tra le persone adulte.

“Provo due sentimenti contrastanti – racconta il sindaco Fabio Passera -. Da una parte sono contento che la stagione sia iniziata con tanto vigore, nonostante questo lunghissimo periodo di emergenza, con attività che hanno ripreso la loro funzione e la gente che comincia ad arrivare. Dall’altra, invece, senza voler far la paternale a nessuno, penso che così non vada proprio bene. Oggi (ieri, ndr) ho fatto un giro tra spiagge, lago Delio, Forcora e Veddasca: era un vero delirio. Questo penso sia il modo ‘migliore’ per ricadere nel virus un’altra volta”.

“È legittima la voglia di divertirsi e socializzare, ma bisogna capire che è fondamentale seguire le disposizioni, evitare gli assembramenti e non praticare sport di squadra. Non possiamo fare diversamente. Speravo fossimo differenti, ma temo non sia così. Mi appello al buonsenso delle persone, l’idea di stare a casa ad agosto, a causa di quelli che non rispettano le regole, non lo sopporto”, conclude il primo cittadino.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127