EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Alto Varesotto | 21 Maggio 2020

Coronavirus, i Comuni dell’alto Varesotto respirano con i ristorni dei frontalieri

In arrivo 24 milioni di euro per le casse degli enti di confine, chiesti a gran voce dai sindaci del territorio. Il senatore Alfieri (Pd): "Promessa mantenuta"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Erano stati richiesti dai Comuni del territorio, nelle ultime settimane, per poter contare su un ulteriore strumento di sostegno e alla fine sono in fase di arrivo. I ristorni dei frontalieri, per la prima volta accreditati già nel mese di maggio, raggiungeranno presto le casse di quarantasei Comuni e della Comunità Montana Valli del Verbano, per un totale di ventiquattro milioni di euro destinati alle realtà di confine.

“La notizia positiva – commenta il senatore del Partito democratico Alessandro Alfieri – è che per la prima volta i ristorni, derivanti dalle tasse pagate in Svizzera dai nostri lavoratori frontalieri, sono accreditati ai Comuni nel mese di maggio, lo scorso anno arrivarono a fine luglio. Mi ero personalmente impegnato con i sindaci del territorio per far arrivare il primo possibile questi fondi e oggi posso dire che la promessa è stata mantenuta“.

I ringraziamenti del senatore dem vanno in primo luogo ai sindaci di frontiera e al presidente della Associazione dei Comuni Italiani di Frontiera, Massimo Mastromarino, autore di una missiva, firmata anche dai presidenti delle Comunità montane Paolo Sartorio e Simone Castoldi, inoltrata al governo a fine aprile, e contenente le richieste considerate di vitale importanza per proteggere gli interessi economici dell’alto Varesotto e le esigenze delle famiglie in questa fase così drammatica, tra le quali figurava appunto anche la questione ristorni.

Ai fondi inseriti tra i ristorni si aggiungeranno poi gli otto milioni destinati alla Provincia di Varese e accreditati tramite Regione Lombardia. “Portato a casa questo risultato – conclude il senatore Alfieri – siamo ora al lavoro con le diplomazie europee per cercare di eliminare ogni resistenza sulla riapertura delle frontiere per il 3 giugno, e per stoppare ogni possibilità di accordi bilaterali tra Paesi europei che possa escludere l’Italia e danneggiarla in vista della stagione estiva”.

Al Comune di Luino andranno 2 milioni e 600mila euro, 1 milione e 600mila a quello di Lavena Ponte Tresa. Per Cugliate Fabiasco 835mila euro, per Cuasso al Monte 735mila, per Maccagno 400mila, 687mila per Germignaga. Per consultare l’elenco completo, cliccare qui.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127