EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Alto Varesotto | 7 Maggio 2020

Coronavirus, arriva l’ordinanza con gli obblighi da rispettare per le “seconde case”

I 4 paesi dell'Unione dei Comuni Lombarda Prealpi svelano le modalità che disciplinano le visite, ristrette a ragioni di sicurezza e di manutenzione. Ecco come fare

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’ultimo Dpcm (decreto del presidente del Consiglio dei ministri) pubblicato a fine aprile e la recente ordinanza regionale in tema di coronavirus, firmata nei giorni scorsi dal governatore della Lombardia, Attilio Fontana, sono i riferimenti normativi di un ulteriore documento recante la firma di Nazario Corrado Moro, sindaco di Dumenza, di Luca Baglioni, sindaco di Agra, di Nora Sahnane, sindaco di Curiglia con Monteviasco e di Antonio Palmieri, sindaco di Tronzano Lago Maggiore, destinato a disciplinare uno degli aspetti più delicati della gestione “post lockdown” della pandemia.

Un documento che è di primario interesse non soltanto per la piccola comunità dell’alto Varesotto, visto che il tema al centro del provvedimento è quello degli spostamenti verso le seconde case, ora consentiti ma per ragioni specifiche quali la verifica delle condizioni di sicurezza degli immobili e la necessità di eseguire opere di manutenzione per ristabilire la sicurezza e l’agibilità delle proprietà.

La permanenza presso le seconde case è dunque ancora strettamente vietata: da qui l’esigenza di rimarcare il concetto tramite ordinanza sindacale, considerato il numero non indifferente di proprietà presenti sul territorio dei quattro paesi dell’Unione dei Comuni Lombarda Prealpi, che in virtù del clima primaverile ormai giunto a pieno regime e delle giornate calde e soleggiate, potrebbe diventare meta di trasferimenti per il momento non consentiti.

Cosa fare dunque, se si ha la necessità di raggiungere le seconde case per una delle ragioni sopra indicate? E’ l’ordinanza dei primi cittadini a metterlo in chiaro. L’ente comunale dovrà essere informato prima dello spostamento con una mail contenente le seguenti informazioni: generalità dell’unico soggetto che effettuerà lo spostamento (che non potrà avvenire in coppia o in gruppo), la data dello spostamento, il luogo (indirizzo completo), la motivazione e la durata.

Gli azzardi verranno sanzionati, come nel recente caso dei due coniugi di Milano che avevano raggiunto le valli luinesi con la scusa di “curare l’orto”, e che dopo la segnalazione della Polizia locale si sono ritrovati in quarantena preventiva a Dumenza. (Foto di copertina © Isella Belotti)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127