Luino | 30 Dicembre 2019

Il Comune di Luino contro i botti di Capodanno: multe fino a 500 euro

L'ordinanza entrerà in vigore da domani, 31 dicembre, alle ore 12, fino al primo gennaio alle ore 12. In caso di reiterazione la sanzione sarà raddoppiata

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il comune di Luino, come tanti altri paesi del Varesotto, tramite l’ordinanza sindacale 25 pubblicata oggi, a firma del sindaco Andrea Pellicini, impone dalle ore 12 di domani, domenica 31 dicembre, alle ore 12 del primo gennaio in tutti i luoghi pubblici del territorio comunale (strade, piazze, parchi e giardini), il divieto assoluto di accensione e lancio dei botti di Capodanno.

Nell’ordinanza sindacale si legge che questa decisione è stata presa per diversi motivi: l’utilizzo, l’accensione ed il lancio di fuochi di artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, di razzi e di tutti gli artifici pirotecnici che è causa di disagio per l’uso spesso incontrollato e senza l’adozione delle minime precauzioni atte ad evitare pericoli e danni all’integrità fisica delle persone degli animali e dell’ambiente; esiste un oggettivo pericolo, anche nel caso di petardi in libera vendita, trattandosi pur sempre di materiale esplodente che, in quanto tale, è in grado di provocare danni fisici anche di rilevante entità, sia a chi li maneggia, sia a chi ne sia fortuitamente colpito.

Oltre a questo, in conseguenza di tali pratiche, le cause che hanno spinto il comune ad emettere tale ordinanza sono la possibilità che possono verificarsi danni materiali al patrimonio pubblico e privato e che tale condotta può rappresentare, per incompetenza all’uso e per assenza di precauzioni all’utilizzo, un serio pericolo per l’incolumità pubblica, specialmente da parte dei minori, cui deve essere riservata una speciale tutela. Infine, conseguenze negative possono determinarsi anche a carico degli animali da affezione, di allevamento e selvatici, in quanto il fragore degli artifizi pirotecnici ad effetto scoppiante ingenera spavento e perdita dell’orientamento.

Chiunque violi le disposizioni della presente ordinanza – si legge come disposizione finale nell’ordinanza – è punito con la sanzione amministrativa da 25 a 500 euro, con il sequestro del materiale pirotecnico utilizzato e/o detenuto ai sensi dell’art. 13 della Legge 689/1981. All’atto della contestazione, i trasgressori sono tenuti a cessare immediatamente il comportamento in violazione della presente Ordinanza. In caso di reiterazione per inosservanza ai dispositivi della presente ordinanza, la sanzione corrispondente, è raddoppiata”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127