Brezzo di Bedero | 21 Dicembre 2019

Brezzo di Bedero è il primo Comune dell’Alto Verbano a dichiarare l’emergenza climatica

Nella serata del 18 dicembre, su richiesta dei giovani della Comunità Operosa Alto Verbano, il consiglio comunale ha sottoscritto l'atto formale

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Un consiglio comunale molto particolare quello di mercoledì 18 dicembre a Brezzo di Bedero: la sindaca, dottoressa Maria Grazia Campagnani, ha chiesto di votare la dichiarazione di emergenza climatica, dopo aver incontrato la settimana prima tre ragazze della Comunità Operosa: Giorgia Giovanelli, Isabella Cusatelli e Martina Sansone.

Su richiesta della sindaca, Giorgia ha letto ad alta voce la dichiarazione di emergenza climatica: un forte richiamo ad ascoltare la scienza e ad agire a tutti i livelli, dal globale al nazionale, dal locale all’individuale, per ridurre le emissioni di anidride carbonica ed evitare la catastrofe ambientale. Martina ha poi illustrato tutte le “buone pratiche” che già esistono e che si possono adottare in ambito locale al fine di predisporre un piano di azione climatica locale; Isabella ha parlato dell’esperienza del 29 novembre ove, in occasione del 4° sciopero per il clima, gli studenti del Liceo e dell’I.S.I.S hanno ripulito il piazzale della scuola, le strade ed il Parco Ferrini coinvolgendo anche gli studenti delle scuole secondarie di primo grado di Germignaga e Luino.

Si è aperta una discussione tra i consiglieri di maggioranza e minoranza che hanno apprezzato l’impegno dei giovani, chiedendo loro di continuare con l’entusiasmo e la passione che hanno dimostrato nei loro interventi. Risultato: il consiglio comunale ha votato all’unanimità la dichiarazione di emergenza climatica, chiedendo ai ragazzi di affiancarli nella scelta delle pratiche da adottare.

Ma cosa significa per un Comune deliberare l’emergenza climatica? Significa aver compreso che gli effetti dei cambiamenti climatici rappresentano una priorità assoluta che mettono seriamente in pericolo la stabilità globale del pianeta e la stessa esistenza della civiltà umana.

Tali effetti sono già in atto sotto forma di siccità, inquinamento atmosferico, riduzione dei ghiacciai, aumento dei livelli del mare, fenomeni atmosferici estremi, ecc. La comunità scientifica ci avvisa che, se non conteniamo il riscaldamento globale entro 1,5 °C dai livelli pre-industriali, riducendo le emissioni di anidride carbonica in atmosfera, il rischio di una transizione irreversibile del clima diventerà reale.

E’ quindi fondamentale agire a livello globale e locale per ridurre le emissioni di anidride carbonica e l’inquinamento, definendo una strategia ed un piano di azione climatica locale, da discutere e confrontare con la popolazione. Con la dichiarazione di emergenza climatica il Comune si impegna quindi a convocare un tavolo di coordinamento con le realtà della comunità locale per dare concreta attuazione al piano di azione climatica, promuovendo l’applicazione di “buone pratiche”, agendo nelle molteplici aree in cui si possono ridurre le emissioni, tra cui l’efficienza energetica, la produzione da fonti rinnovabili, la mobilità sostenibile, la produzione ed il consumo di cibo a km0, la protezione e la tutela degli ambienti naturali.

I giovani della Comunità Operosa da tempo si stanno impegnando concretamente per l’ambiente: hanno creato il gruppo Fridays For Future Luino (www.facebook.com/FridaysForFutureLuino/), hanno organizzato la serata del 29 Ottobre alla Colonia Elioterapica di Germignaga sui cambiamenti climatici con la partecipazione di Giacomo Grassi del CCR di Ispra, di Fulvio Fagiani della Rete per il Clima del Verbano e del climatologo di fama mondiale Frank Raes.

Hanno organizzato il primo sciopero per il clima a Luino il 29 novembre promuovendo azioni concrete per l’ambiente, hanno presentato i loro progetti presso le scuole secondarie di primo grado. Il loro impegno proseguirà, con l’entusiasmo auspicato dai consiglieri del comune di Brezzo di Bedero, sia cercando di coinvolgere sempre più compagni e scuole, sia continuando nella richiesta ai sindaci di dichiarare l’emergenza climatica al fine di adottare piani comuni di azione climatica con la convinzione che sicuramente altri vorranno seguire l’esempio di Brezzo di Bedero.

Il messaggio che ci mandano è forte e chiaro: hanno capito che non c’è più tempo da perdere se vogliamo avere ancora un futuro e ce lo stanno dimostrando concretamente. Ascoltiamoli!

Per ulteriori informazioni consultare le Pagine Facebook “Fridays For Future Luino” e “Comunità Operosa Alto Verbano” oppure il profilo Instagram. Possibile scrivere una mail anche all’indirizzo comunitaoperosa@gmail.com.

Fanno parte della Comunità Operosa Alto Verbano: A.GE.VA, AGRISOL, AMICI DI NZONG, ANEMOS LOMBARDIA, A.N.P.I, ASS. HORTUS, ASS. SOLARIS, AISU VERSO ITACA, BANCA DEL TEMPO, CAST, CHIESA EVANGELICA VALDESE, GIM-TERREdiLAGO, ASS. COSTRUTTORI DI PACE, CRI COMITATO DI LUINO, DONNASICURA ONLUS, ASS. LA GRA’, ASS. LE CEPPAIE, LICEO SCIENTIFICO SERENI, INFORMADSA LUINO, ASS. SCOUT LUINO 1 e SOMS.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127