Dumenza | 14 Dicembre 2019

“Massimo impegno di tutti per la bonifica della discarica abusiva nel bosco di Dumenza”

Ad annunciarlo è il consigliere regionale M5S Cenci, dopo la segnalazione del sindaco Moro. "Per cambiare le cose serve una rivoluzione culturale"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Nel piccolo Comune di Dumenza, sulle montagne sopra Luino, è stata scoperta, ormai da qualche anno, una discarica abusiva in località Campagnetta. Il suolo sul quale sono stati sversati i rifiuti, probabilmente in più momenti nel corso del tempo, è in parte pubblico di proprietà del Comune e in parte privato.

Lo sversamento criminoso, pur non estremamente grave, presenta alcuni mucchi principali di rifiuti urbani e rifiuti di altra natura di significativo spessore e una platea di altro materiale disseminato tutto intorno e insinuato nel suolo fino a scarsa profondità.

L’aspetto più grave è rappresentato dalla posizione in cui è sita questa discarica abusiva, ovverosia un’area boschiva e declive. Il danno ambientale è perciò ancor più grave perché i criminali hanno inquinato un’area naturale di valore ecologico e trovandosi alla sommità di un pendio il pattume tende a scivolare verso il basso, allargando il perimetro della discarica, parimenti l’acqua piovana infiltrandosi e drenando verso valle contamina ampie porzioni di suolo con gli elementi inquinanti accumulati nella discarica.

Il sindaco del Comune di Dumenza, Nazario Corrado Moro, ha contattato il consigliere regionale lombardo M5S Roberto Cenci, che si è subito attivato e ha visitato il sito. Come suggerito dallo staff regionale del gruppo, il Comune ha presentato le dovute denunce alle autorità e ha notificato la presenza della discarica abusiva alla DG Ambiente di Regione Lombardia, chiedendo anche supporto tecnico ed economico per risolvere la situazione e ripristinare i luoghi.

Ad oggi purtroppo non si conosce l’identità delle persone che negli anni hanno sversato i rifiuti nel bosco di Dumenza e probabilmente non si conoscerà mai. Il Comune è in attesa di una risposta da parte della DG Ambiente, che si spera possa arrivare quanto prima, portando anche le risorse necessarie per la bonifica del sito.

“Sono in contatto con il sindaco Moro, al quale, i miei collaboratori ed io, abbiamo offerto massimo aiuto per risolvere il problema e gli rinnoviamo tutta la nostra disponibilità – commenta il consigliere regionale M5S Cenci -. Mi impegno sin da ora a presentare un ordine del giorno nella prossima seduta di bilancio regionale (luglio 2020) nel caso in cui la DG dovesse rispondere al Comune di Dumenza di non poter erogare in tempi brevi le risorse necessarie per la bonifica del sito e il ripristino dei luoghi”.

“Spesso ci lamentiamo perché la politica non è in grado di risolvere i grandi problemi di inquinamento che affliggono il nostro paese – conclude il consigliere regionale -. Negli ultimi tempi sentiamo parlare dell’Ilva di Taranto, di auto diesel inquinanti, di inceneritori, di discariche e di problemi nella raccolta dei rifiuti urbani. Ma questa vicenda, accaduta sulle montagne della Provincia di Varese, dimostra che la mancanza di sensibilità verso l’ambiente, l’inciviltà e l’egoismo, che porta ad anteporre i propri interessi e le proprie comodità su tutto e tutti, sono dilaganti a tutti i livelli sociali e si insinuano su tutto il territorio. Se vogliamo davvero che le cose cambino e che il nostro territorio e pianeta tornino a splendere, qualche atto politico o delle nuove leggi non basteranno, ma sarà necessaria una vera e propria rivoluzione culturale!”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127