Luino | 9 Ottobre 2019

Luino, addio alle fontane delle quattro colonne in piazza Libertà

In corso l'intervento che cambierà totalmente la funzione delle quattro opere, ma è temporaneo. Al via uno studio per rivoluzionare l'intera piazza

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Continua l’opera di riqualificazione di tutta la fascia a lago da Palazzo Verbania al porto vecchio di Luino da parte dell’amministrazione comunale, che negli scorsi giorni ha deciso di effettuare alcuni lavori in piazza Libertà, che trasformeranno il destino delle quattro colonne installate nell’area dalla giunta guidata dall’ex sindaco Piero Tosi negli anni Novanta.

Attraverso un intervento eseguito in economia diretta da parte di Palazzo Serbelloni, infatti, all’interno delle vasche che una volta ospitavano l’acqua, sono stati posizionati ciottoli per riempire i bacini, sopra i quali sarà collocato uno strato di serpentino verde che, su consiglio dell’architetto Stefano Santambrogio, riprenderà il bordo dell’aiuola presente sul nuovo tratto di lungolago.

“Non si tratta di un mio progetto, ma ho dato alcuni suggerimenti all’amministrazione su loro richiesta – commenta l’architetto Stefano Santambrogio -. Si tratta di una soluzione provvisoria in attesa della sistemazione definitiva della piazza. Per evitare vandalismi, però, lo strato di serpentino sarà fissato mediante un’apposita resina che darà un effetto bagnato e farà in modo che non si sposti il materiale lapideo. Inoltre, saranno posati nuovi faretti”.

Il lavoro, che si aggiunge a quello effettuato qualche settimane fa nell’area vicina dell’ex Pino Bar, è temporaneo, ma seguirà le gesta architettoniche originarie, che impongono un rigore quasi metafisico tra essenzialità e semplicità. Comune ed architetto avevano pensato di inserire essenze ed arbusti, strada poi difficilmente percorribile sia a causa degli oneri per la realizzazione di un impianto di irrigazione sia per la conservazione delle stesse.

Nello scorso mese di marzo era stato il consigliere comunale Pietro Agostinelli a denunciare il degrado presente all’interno delle fontane, con acqua putrida e maleodorante, dove vi erano anche numerosi faretti non più funzionanti. Lo spettacolo, secondo il consigliere di minoranza, era indecoroso non solo per i luinesi che frequentano il luogo per lavoro o svago, ma anche per i visitatori stranieri che, scesi dal traghetto, soprattutto il mercoledì, si trovavano davanti un simile scenario.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127