Luino | 10 Settembre 2019

Luino, furti dalla cassa unica: il Comune nomina un avvocato difensore

La decisione è contenuta in una recente delibera di giunta. Sergio Martelli, del Foro di Varese, tutelerà gli interessi dell'ente nel filone penale della vicenda

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Il caso dei furti dalla cassa unica di Palazzo Serbelloni arriva in tribunale, e il Comune di Luino si prepara ad affrontare il filone penale della vicenda affidando l’incarico di difesa all’avvocato varesino Sergio Martelli.

La notizia arriva da una recente delibera di giunta, con la quale viene ufficializzato il conferimento dell’incarico – essendo l’ente sprovvisto di un ufficio di avvocatura interno – ma era già stata anticipata tempo fa dal sindaco Andrea Pellicini come un atto necessario per poter recuperare il denaro sottratto illecitamente da un dipendente, poi licenziato.

La decisione fa inoltre seguito agli accorgimenti già adottati dal comune in sede civile per ottenere il pignoramento dei beni immobili dell’imputato per la presunta sottrazione, che ammonta a circa 200mila euro, dalle casse dell’ente.

Il fatto, risalente allo scorso mese di novembre, aveva scosso l’intera comunità e diversi cittadini erano stati sentiti, in veste di testimoni, una volta avviate le indagini dei carabinieri, legate all’aumento del prezzo dei buoni pasto della mensa scolastica e alle relative operazioni di pagamento, contesto da cui erano scaturiti i primi dubbi e da cui erano partite le prime operazioni di verifica da parte dei militari dell’Arma.

Nuovi sviluppi sono ora attesi dall’udienza preliminare e dalle valutazioni che il legale difensore effettuerà dopo aver consultato gli atti depositati dal pubblico ministero al GIP, passaggio quest’ultimo da cui dipenderà l’effettiva costituzione di parte civile per il comune anche in questo secondo procedimento.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127