Dumenza | 20 Agosto 2019

Post nubifragio lavori tra Dumenza e Curiglia, “Più attenzione alle piante, si rischiano i morti”

A lanciare l'allarme, dopo le disposizione agli interventi della Provincia, è il sindaco Corrado Nazario Moro: "Noi ci occupiamo delle strade comunali, ma il resto?"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il nubifragio di lunedì scorso ha creato tanti disagi, ma per fortuna senza gravi conseguenze alle persone, anche sul territorio tra Dumenza e Curiglia con Monteviasco, con la Strada provinciale 6 chiusa alla circolazione stradale a causa della caduta di piante ed alberi sulla carreggiata in diversi tratti, che hanno fatto rimanere isolato il borgo di montagna per parecchie ore.

Per questa ragione, il giorno prima di Ferragosto, la Provincia di Varese, competente per la manutenzione e gli interventi sull’arteria, ha emesso un’ordinanza con la quale ha istituito in più punti il senso unico alternato, regolato da movieri, e in qualche caso anche la sospensione del traffico, per permettere l’esecuzione dei lavori di taglio e rimozione piante lungo la provinciale. L’ordinanza rimarrà in vigore fino alla fine degli interventi, iniziati già ieri con i primi sopralluoghi effettuati dall’ingegnere incaricato da Villa Recalcati e dagli operatori.

Il problema, però, non è nuovo: quando avvengono violente tempeste di questo tipo, sempre più frequenti in questi ultimi anni, i cittadini criticano duramente, soprattutto sui social network, per la mancanza di un piano efficace di manutenzione e di taglio delle piante e degli alberi lungo le carreggiate.

Il Comune di Dumenza è uno tra i più attivi per migliorare la sicurezza sulle strade e già nel 2013, tramite l’ordinanza numero 7, il primo cittadino Corrado Nazario Moro aveva dato disposizioni in materia ai propri cittadini (taglio piante, siepi e rami sporgenti ai margini delle aree di transito delle strade provinciali, comunali, consortili e vicinali ad uso pubblico).

Lo scorso anno, inoltre, era stato l’ex sindaco Valerio Peruggia, insieme ai volontari della Protezione civile Valdumentina, ad intervenire lungo la strada che porta al rifugio Campiglio, ripulendo le aree adiacenti all’asfalto. Prova ne è che in questa ondata di maltempo la strada non ha subito disagi o danni.

“Sono convinto che, se nei nostri piccoli paesi di montagna non interveniamo per tempo con tutti i mezzi e l’impegno degli enti competenti – commenta il sindaco di Dumenza, Corrado Nazario Moro -, prima o poi scapperà il morto. Lunedì scorso è stato una carneficina di piante che hanno invaso le strade. Bisogna fare molto di più per tutelare l’incolumità di automobilisti e pedoni”.

In questa direzione si è mosso, lo scorso novembre, il Comune di Cremenaga, avviando un importante progetto di prevenzione (investimento di circa 600mila euro), con l’obiettivo di evitare pericoli e migliorare la sicurezza stradale sul proprio territorio, chiedendo allo stesso tempo, tramite il sindaco Domenico Rigazzi, anche importanti lavori sia sulla provinciale verso Luino che verso Lavena Ponte Tersa.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127