Curiglia con Monteviasco | 17 Agosto 2019

Monteviasco: tempi lunghi per la funivia, Regione al lavoro per il trasporto di persone in elicottero

Ad annunciarlo il consigliere regionale Giacomo Cosentino: "Attendiamo risposta a giorni". Nessuna certezza agli enti per la ripartenza dell'impianto di risalita

Oltre nove i mesi che sono passati dal tragico incidente che ha causato la morte di Silvano Dellea, quel fatidico 12 novembre, giorno in cui il caratteristico e meraviglioso borgo di Monteviasco è isolato dal resto del mondo e sopravvive solo grazie al costante impegno dei carabinieri di Dumenza, del Soccorso Alpino e all’opera di qualche cittadino, intervenuto per donare fondi da destinare ad un servizio periodico in elicottero utile per ripulire le stradine dalla spazzatura e di beni ai ristoratori.

Nonostante i proclami degli scorsi mesi, le mille difficoltà tecnico-operative per ripristinare la funivia e le mille promesse fatte, la piccola comunità, che in questi mesi non ha mai abbandonato il paesino percorrendo quest’estate i 1400 gradini di mulattiera per arrivare in cima, è ormai amareggiata, arrabbiata e delusa, talvolta anche rassegnata.

Proseguono gli incontri tra le parti, Regione Lombardia, Comune di Curiglia con Monteviasco e Trasporto Pubblico Locale, ma ancora non si sono riusciti a sciogliere i nodi per far ripartire l’impianto di risalita. Diverse le questioni aperte, ma c’è un punto fermo: la gestione, dopo i lavori e la messa a norma di tutta la funivia,  sarà affidata alla cooperativa “Montagna Domani”, che ha vinto il bando nel mese di maggio. Nessuna certezza sui tempi, si parla anche di altri mesi di attesa.

E così, a rivelare quello che sta portando avanti Regione Lombardia, per sopperire a queste gravi lacune che mantengono Monteviasco isolata, è il consigliere regionale Giacomo Cosentino. “Lo scorso 30 luglio si è tenuta una riunione presso gli uffici di Regione Lombardia per capire dal Comune di Curiglia (proprietario della funivia) a che punto è l’affidamento dell’impianto al soggetto individuato a seguito del relativo bando pubblico (la cooperativa ‘Montagna domani’); il Comune ha dato rassicurazioni sul fatto che entro qualche settimana la situazione contrattuale tra le parti verrà formalmente definita”.

“Durante questa riunione – ha commentato ancora Cosentino -, in accordo con il Presidente Attilio Fontana, che segue la difficile situazione con molta attenzione, ho chiesto ai funzionari di Regione Lombardia un parere legale circa l’utilizzo provvisorio di un elicottero per garantire il trasporto di persone da Curiglia a Monteviasco. In questi giorni avremo risposta”.

“Come Regione – ha spiegato ulteriormente Cosentino -, dopo aver stanziato quasi 150 mila euro per garantire al soggetto gestore il ripristino del servizio, stiamo continuando ad aiutare il Comune nel complesso percorso che porterà alla riattivazione della funivia. Appena il Comune concluderà l’iter contrattuale per affidare la gestione dell’impianto al nuovo soggetto sarà necessaria una perizia tecnica da presentare agli uffici del ministero dei trasporti finalizzata ad ottenere il necessario nulla osta per la ripartenza”.

“Ringrazio il signor Cipriano per l’interessamento e confermo la nostra disponibilità a dare tutte le risposte opportune anche al di fuori delle testate giornalistiche, soprattutto nei casi come questo in cui i contenuti della sua lettera sono già stati anticipati dal dialogo tra gli enti competenti e sono già oggetto di verifica”, conclude Cosentino.

Negli scorsi giorni, intorno a Ferragosto, era stato il grillino luinese ad inviare una lettera al presidente di Regione Lombardia, Gianfranco Cipriano per chiedere l’attivazione di un servizio in elicottero. “Presidente, le scrivo da cittadino, ma attento conoscitore delle vicende della funivia di Monteviasco e di tutti i passaggi istituzionali e non, oltre che di tutti i soggetti politici e tecnici impegnati nella stessa. Dopo tanta pazienza di un esasperata comunità le chiedo una brusca accelerazione a compenso del danno da loro subito per cause a non addebitabili agli stessi”.

“Come da me richiesto agli albori della disgrazia, ma anche di recente al consigliere Cosentino – ha commentato Cipriano -, è necessario che un elicottero sostituisca in servizio di trasporto passeggeri, che inevitabilmente è venuto a mancare. Apprezzo l’intervento economico messo a disposizione da Regione per il ripristino della linea funiviaria, ma è necessario fare di più. Imprimere un cambio di passo nell’iter degli accordi e nel disbrigo delle interlocuzioni con il ministero è ormai indispensabile e questo è il momento che lei con le sue importanti capacità, si occupi personalmente, se non altro di monitorare da vicino la questione, stimolando un rapido lieto fine”.

“Confido nella sua sensibilità e mi permetto di invitarla a visitare questo splendido borgo, magari non appena sarà attivato il servizio di collegamento aereo finché non si ripristini la normalità”, ha concluso Cipriano.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127