Varese | 9 Marzo 2019

Varese, grande successo all’open day dell’Università dell’Insubria

Più di 1000 i ragazzi presenti dall'Italia e dalla Svizzera. Interesse per Medicina, Economia, Mediazione inteculturale, Scienza della Comunicazione e Biologia

Varese, grande successo all'open day dell’Università dell’Insubria
Tempo medio di lettura: 2 minuti

Grande partecipazione all’open day dell’Università dell’Insubria, nonostante la concomitanza con il Carnevale: più di 1000 i ragazzi presenti alla giornata, la maggior parte provenienti dalle province di Varese, di Milano e di Como, ma tanti anche dagli altri capoluoghi lombardi, dal vicino Piemonte e addirittura dalla Valle d’Aosta, dalla Toscana, dal Veneto e dalla Basilicata, oltre che dalla Svizzera.

“Fate la scelta giusta per voi, ascoltando solo voi stessi. Scegliere Medicina e Odontoiatria significa essere pronti a una carriera lunga e piena di sacrifici, a sostenere la grande responsabilità di prendersi cura della salute di altre persone, a studiare e aggiornarsi di continuo e non sempre ad avere soddisfazione economica. Ma è una scelta per la vita e sappiate che, se la fate, è una scelta bellissima”. Così il Rettore Angelo Tagliabue ha parlato agli aspiranti medici in un’aula gremita del Padiglione Monte Generoso.

Oltre 100 i docenti presenti, che hanno illustrato nei dettagli l’offerta formativa del giovane Ateneo fondato nel 1998: 3 corsi di laurea magistrale a ciclo unico, 22 corsi di laurea triennale e 12 corsi di laurea magistrale. Sono stati molti anche gli studenti universitari che hanno raccontato con entusiasmo la loro esperienza. Grande interesse come sempre per Medicina, a cui si aggiungono nelle preferenze delle future matricole i corsi di Economia, Mediazione interculturale e interlinguistica, Scienze della Comunicazione e tutto l’ambito biologico.

Gradita la visita del sindaco di Varese Davide Galimberti, avvocato che ha studiato proprio all’Insubria: ha incontrato il Rettore Angelo Tagliabue, la delegata all’Orientamento Michela Prest e il presidente della Scuola di Medicina Giulio Carcano, oltre che la simpatica mascotte dell’Ateneo, lo scoiattolo Olly.

Il sindaco ha voluto sottolineare la presenza del Comune accanto all’Università per tutto quello che riguarda i servizi: dalla mobilità, con la nuova navetta dal centro al campus, agli alloggi, su cui Palazzo Estense sta verificando nuove disponibilità, fino all’importante accordo sul Varesello. L’ex campo di allenamento del Varese sarà infatti messo a disposizione dell’Università per i corsi di Scienze Motorie, con un programma i cui dettagli saranno comunicati nelle prossime settimane.

Sono stati fatte anche le simulazioni dei test di ingresso di Medicina e Odontoiatria, a cui hanno partecipato quasi 300 studenti; i test nazionali si terranno il 3 settembre in tutta Italia, quelli per le professioni sanitarie l’11 settembre. Invece è fissato per il 6 settembre il test per Scienze Motorie all’Insubria.

Si ricorda il nuovo appuntamento con l’open day sabato 23 marzo a Como dalle ore 8.30, con la presentazione di tutti i corsi di laurea. Dettagli e iscrizioni sul sito: www.uninsubria.it/openday.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127