Luino | 19 Novembre 2018

Scuole e illuminazione: “Fondi a Germignaga, Grantola e Laveno, a Luino non c’è solo il Verbania”

Una lettera inviata al direttore, che pone alcune riflessioni politiche sui fondi regionali arrivati sull'Alto Varesotto. A scriverla un cittadino luinese disilluso

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo una lettera arrivata in redazione da un cittadino luinese che pone alcune domande e avanza alcuni riflessioni critiche sulla politica luinese.

Egregio Direttore,
sono un luinese ormai da molti anni, e da molto tempo leggo con grande interesse Luino Notizie, con particolare attenzione la sezione di politica locale e non.

Da qualche giorno rifletto su due articoli comparsi negli scorsi giorni: uno riguardante il bando Lumen dove Regione Lombardia ha elargito fondi a parecchi comuni lombardi e nella zona dell’Alto Varesotto spicca il comune di Germignaga. L’altro articolo parla di altri finanziamenti, sempre provenienti dal Pirellone riguardanti l’edilizia scolastica ed anche qui noto che Laveno Mombello riceverà 1.084.000 euro, mentre il comune di Grantola 604.000 euro.

Contento di queste belle notizie, perché quando arriva liquidità nei nostri territori porta di conseguenza migliorie per il comune e per chi vi abita, ma al tempo stesso resto alquanto sconcertato e deluso nel vedere che il comune di Luino, uno fra i comuni più grossi del nord della provincia di Varese, non ha percepito un centesimo da questi bandi, molto strana e al tempo stesso molto triste questa cosa. Si è vero che non molte settimane fa Luino ha ricevuto altri 250mila euro da Regione Lombardia per il completamento di Palazzo Verbania, bene così, ma ahimè a Luino non esiste solo il “Verbania” .

Rifletto ancora un po’ e ancor più stupito mi rendo conto che la giunta regionale lombarda è prevalentemente a trazione leghista. Vado a controllare quella di Laveno Mombello, ma non è giunta di centrodestra, né tantomeno Germignaga. L’unica amministrazione vicina al centrodestra è Grantola (al di là dei colori politici vanno comunque fatti i complimenti agli amministratori che sono stati bravissimi a portare a casa liquidità fresche per le rispettive casse comunali).

Luino invece dove è marcata la presenza dei verdi leghisti e dove componenti della giunta locale, appartenenti allo stesso partito del Governatore Fontana, i quali, con auto celebrazioni millantano rapporti strettissimi con Regione Lombardia ed altri politici che siedono tra le file di Camera e Senato, non sono stati in grado di cogliere queste importanti opportunità per rendere ancora più bella e vivibile la città che amministrano il motivo è purtroppo strano, forse troppa superficialità nel valutare, poca bravura amministrativa o altro?

Da luinese dico peccato, e in questo caso mi sovviene un proverbio che sentivo pronunciare spesso dai nostri vecchi, il famoso: “Chi si loda si imbroda“, sperando che questa lettera possa servire a spronare chi ci governa e correggere futuri errori dico a tutti (da destra a sinistra nessuno escluso): “Rimbocchiamoci le maniche e portiamo a casa tutto quello che può essere di utilità all’intera collettività!”. A firmare la missiva un disilluso luinese.

Negli scorsi mesi, almeno per quanto riguarda l’illuminazione pubblica, il sindaco di Luino Andrea Pellicini aveva annunciato un investimento da 2,5 milioni di euro sul futuro della rete di illuminazione pubblica, dedicato in parte anche alle telecamere, il cui assetto consentirà inoltre agli abitanti di poter interagire, tramite App, per effettuare segnalazioni. Approvato lo studio di fattibilità, l’appalto sarà indetto entro dicembre.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127