Luino | 25 Luglio 2018

Luino, “Quattro mosse per rilanciare il turismo partendo dal mercato”

Partendo da un trenino per collegare il centro e promozione delle attrazioni del territorio, per arrivare al mercato e al parco Ferrini. La proposta di Cipriano

“Lancio un appello agli abitanti di Luino, Cannero Riviera e Cannobio, ‘Via Lago’ ha bisogno di voi! Il progetto per stare in piedi necessita della vostra voglia di vivere il lago, sarete tutti voi a determinare il futuro di questa iniziativa che ha aperto una via nuova verso l’unione e la condivisione dei territori a nord del Verbano”. Inizia così il lungo comunicato stampa di Gianfranco Cipriano, che lancia un appello ai cittadini di tutto il territorio per vivere l’estate luinese al meglio.

“Individualmente, tutti si dicono entusiasti, ma per ora anche se il tempo incerto non ha aiutato, i numeri non ci hanno risposto come ci saremmo aspettati… Coraggio quindi, questo fine settimana un’esperienza nuova vi aspetta – continua Gianfranco Cipriano -. Questo progetto è il risultato di un grande impegno nel realizzare un sogno; in poco più di un mese, abbiamo creato una struttura che ha coinvolto tre territori importanti, molte attività commerciali, la Navigazione Lago Maggiore e dei Taxi Boat, con il comune intento a dare movimento al turismo, novità per gli abitanti e nuova linfa alle attività. Un primo passo, spero, verso una svolta all’evoluzione turistica del territorio”.

“Mi piace pensare – spiega ancora Cipriano facendo riferimento ad una sua proposta del 2017 – che si possa realizzare in toto il programma che proposi in un articolo di febbraio dell’anno passato, senza dimenticare quanto è determinante la sicurezza della città, quindi prima di tutto è necessario dotare Luino di un evoluto sistema di video sorveglianza, ad oggi troppo blando, e potenziare l’organico e le dotazioni della Polizia Locale”.

“Ieri pomeriggio – racconta Cipriano -, in un bar del centro, mi hanno istigato a proporre un’idea per rilanciare il turismo a Luino, così accetto la sfida e offro una soluzione in quattro mosse. Per prima cosa, con 100mila euro circa si potrebbe acquistare un trenino, per fargli far tappa in cinque o sei punti della città (Stazione, Serenelle, Imbarcadero, Porto Lido, ex area Svit e Coop). Si potrebbe coinvolgere anche il comune di Germignaga con un secondo servizio. Pensare ad un biglietto da 1 euro valido 2 ore o 2 euro valido tutto il giorno. Oltre a questo, si incasserebbero introiti per gli spazi pubblicitari sul trenino stesso. Immaginate i bambini che vedono il ciuf-ciuf, mentre col papà passano in macchina da Luino… immaginate i turisti che potrebbero parcheggiare poco lontano dal centro e recarsi in via Veneto col trenino”.

In secondo luogo, creare vero materiale per promuovere le innumerevoli attrazioni del nostro territorio – continua ancora -. Chi si ferma a Luino deve sapere che a pochi minuti ha opportunità meravigliose e uniche. Solo alcune: Monteviasco, lago d’Elio e/o bidonvia a Laveno. Ma far sapere loro che è inoltre possibile prendere un battello per Cannero, Cannobio o fare un giro a Lugano… (scontato? Meno di quanto potreste immaginare). Si potrebbe incentivare i commercianti a dedicare un piccolo spazio in vetrina per promuovere il territorio e i suoi prodotti. Ad esempio anche in una vetrina di abbigliamento si potrebbe promuovere una fattoria didattica o la formaggella del Luinese o ancora i libri di Chiara. Inutile dire che resta necessario intraprender dialogo e coesione con i comuni limitrofi per integrare la promozione turistica.

“Terzo: il mercato è ormai stato distrutto. Innanzitutto – afferma ancora Cipriano – il turista del mercoledì deve avere le informazioni citate nel secondo punto e, a tal proposito, è indispensabile installare un info-point nel centro del mercato. La mia idea per rilanciarlo è quella di attrezzare un gradone del lungolago dalla rotonda di via Amendola a Palazzo Verbania (ora a prato) ad ospitare banchi del mercato togliendoli da quella bruttura della quinta locale”.

“Infine, quarta proposta, creare una copertura per il parco Ferrini, rendere pedonale via XV Agosto integrando piazza Garibaldi e via Sereni, dotando l’area di zone ricreative e punti di bike sharing. Con un pizzico di magia in più si potrebbe diffondere un sottofondo musicale nelle zone pedonali”, conclude Cipriano.

Vuoi lasciare un commento? | 2

2 risposte a “Luino, “Quattro mosse per rilanciare il turismo partendo dal mercato””

  1. piero ha detto:

    un trenino??? io metterei un bel elicottero, cosi si può sorvolare luino e d’intorni dall’alto

  2. adlertrento ha detto:

    Le idee interessanti non mancano al signor Cipriano ma si scontrano con la durà realtà di Luino che non è città turistica, i “forestieri” che visitano Luino nel 90% dei casi è gente di passaggio, c’è chi arriva da Cannobio col battello per passarci un pomeriggio, ci sono quelli dalla Svizzera tedesca coi bus organizzati che vengono al mercato al mattino presto e ripartono in giornata, ci sono i milanesi che fanno il giretto al sabato o domenica. Non siamo sul lago di Garda o sulla sponda grassa: a Luino non ci sono campeggi, ci sono solo piccoli alberghi a gestione familiare, non ci sono eventi serali di richiamo che facciano venire voglia di usare il suo taxi-boat

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127