EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Münster | 7 Aprile 2018

Torna il terrore in Germania, furgone sulla folla: tre morti e 20 feriti. L’attentatore suicida

L'assessore regionale Pietro Foroni: "Ancora una volta di fronte ad una tragica verità: siamo costantemente a rischio attentati di stampo islamico"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

In Germania torna il terrore, non c’è pace in Europa dopo i fatti di Trebes, in Francia, dove un attentatore ha ucciso 4 persone e ne ha ferite 15, prima che le forze speciali francesi sono riuscite ad ucciderlo.

Oggi, invece, nelle prime ore del pomeriggio, nel centro di Münster, in Germania, un furgone è piombato sulla folla. Secondo l’ultimo bilancio delle forze dell’ordine, i morti sono 4, compreso l’attentatore, e 20 i feriti, 16 dei quali in gravi condizioni.

L’autore dell’attacco, riferisce la polizia, si è suicidato. E, secondo il quotidiano Sueddeutsche Zeitung, si tratterebbe di un tedesco con problemi psichici. Secondo quanto riferisce la Dpa, circolano voci sulla possibile presenza di un secondo attentatore che sarebbe in fuga, ricercato dalla polizia.

Per quanto riguarda la dinamica dell’attacco, il furgone è piombato su un tavolino di un bar all’aperto di Kiepenkerl, zona turistica nel centro della città vecchia di Münster. La polizia aveva invitato la popolazione, via twitter, ad allontanarsi dalla zona.

L’attentato di oggi in Germania ci mette ancora una volta di fronte a una tragica verità: siamo costantemente esposti a rischi di attentati terroristici di stampo islamico”. Così è intervenuto l’assessore regionale al Territorio e alla Protezione Civile, Pietro Foroni, commentando l’attentato a Münster che le autorità locali dichiarano essere di matrice terroristica.

“Oggi – continua l’assessore – ho presenziato a Olgiate Olona a un’esercitazione congiunta della Protezione Civile con altre associazioni di volontari, dove è stato simulato un attentato molto simile a quello tragicamente avvenuto in Germania. E’ necessario continuare a investire ogni risorsa disponibile nella prevenzione e nella formazione per garantire un servizio rapido, reattivo ed efficace nei casi di emergenza”.

Regione Lombardia – ha concluso Foroni – è sempre stata all’avanguardia ma non per questo dobbiamo abbassare l’attenzione: al contrario, dobbiamo continuare nella direzione di una sempre maggiore capacità d’intervento reattivo e preventivo”.

(Foto © Twitter @Damocles_Fr)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127