Luino | 3 gennaio 2018

Presepe distrutto a Luino, Cataldo: “Scempio inspiegabile. Faremo di tutto per individuarli”

La rabbia del presidente del consiglio comunale luinese che si scaglia contro gli autori dell'ignobile fatto: "Provo vergogna per loro"

Dopo i diversi atti di vandalismo degli scorsi giorni, che hanno danneggiato le decorazioni e gli allestimenti natalizi situati in diverse zone del luinese, ad essere colpito nella scorsa notte, con un gesto tanto raccapricciante, quanto inspiegabile, è stato il presepe realizzato dai piccoli alunni della scuola elementare delle Motte.

A seguito di questo nuovo, inutile ed ingiustificato atto di vandalismo si è sollevata nelle scorse ore l’indignazione del Comitato dei genitori che, intervenuto sulla questione, ha spiegato come alcune figure di legno contenute nella rappresentazione della natività realizzata dagli alunni siano state rotte, mentre le luci installate su una delle piante del viale sono state avvolte come una corda attorno al collo del pastore.

All’amarezza dei genitori si unisce anche quella Presidente del Consiglio comunale di Luino, Davide Cataldo, che esprime la propria rabbia per il deplorevole gesto compiuto nella notte. “Sono davvero arrabbiatissimo – afferma il presidente del Consiglio Cataldo -. Ricordo ancora con forte amarezza quando nel dicembre 2015 mi sono trovato a dover cercare l’aiuto dei ragazzi del corso legno CFP e dei bimbi delle Motte per ripristinare la sagoma del bambino Gesù barbaramente decapitata da qualche maleducato. Oggi di nuovo un simile scempio davvero inspiegabile, questi sono i momenti dove arrivo quasi a provare io vergogna per chi si permette di compiere atti così vili verso le nostre tradizioni e la nostra religione, mi chiedo in che direzione stiamo andando e quanto male possano essere stati educati questi soggetti”.

“Una cosa è certa – conclude -: non è affatto un piacere condividere la cittadinanza di Luino con questo tipo di persone e faremo di tutto affinché siano individuati”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"