Luino | 21 dicembre 2017

Luino, “Nell’area ex Diana un progetto per costruire anche uno spazio verde polifunzionale”

Dopo l'annuncio del sindaco, l'attivista grillino Federico Parini torna sulle misure alternative al parcheggio individuate già tempo fa dal Movimento

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo l’annuncio del sindaco Pellicini che, alcuni giorni fa, sollecitato dal consigliere provinciale Giuseppe Taldone, ha attribuito una collocazione precisa ai progetti inerenti l’area ex Diana nei futuri piani dell’amministrazione, anche il gruppo Luino 5 Stelle è tornato immediatamente nel vivo della questione. Sul tema infatti, gli attivisti si erano già mossi più di un anno fa, mostrando grande interesse: la stessa attenzione si riaccende oggi con un pacchetto di proposte e benefici riformulato da Federico Parini.

Rimaniamo positivamente toccati dal fatto che, a distanza di un anno, si ritorni a parlare dell’area ex Diana e della possibilità di convertire tale spazio in parcheggio – esordisce Parini attraverso una nota del gruppo -. Ci teniamo tuttavia a ribadire che lo scorso anno avevamo proposto un tavolo di lavoro per poter discutere quale potesse essere la soluzione compatibile con lo spazio a disposizione – continua l’attivista -, considerando la vicinanza alle scuole. Ci dispiace che in quel momento la nostra richiesta di dialogo non sia stata presa in esame, in quanto avremmo potuto evitare l’attuale situazione di emergenza”.

Dopo aver rinnovato la volontà del Movimento di stabilire un confronto tra forze politiche sul caso, Parini torna nuovamente sull’idea di integrare al progetto del nuovo parcheggio la realizzazione di un’area verde polifunzionale, evidenziandone i punti di forza: “Si può pensare ad un parcheggio coperto – ha specificato -, sopra al quale sviluppare un parco che possa ospitare funzioni ludiche e parte delle attività didattiche delle scuole, costituendo inoltre un luogo sicuro dove i genitori possano attendere l’uscita da scuola dei loro figli”.

Secondo l’idea del Movimento, oltre ai vantaggi per insegnanti, studenti e famiglie, l’area pensata su “due piani” agevolerebbe anche i proprietari degli immobili circostanti, i quali vedrebbero aumentare il valore delle proprietà grazie alla riqualifica degli spazi. “Analogamente si può pensare anche ai benefici per gli esercizi commerciali della zona – continua Parini -, e ai riscontri positivi derivanti da una maggiore attrattiva del luogo”.

Un ultimo appunto è riservato dai Cinque Stelle alla circolazione stradale, la problematica di maggiore impatto sugli spostamenti quotidiani che interessano i diversi istituiti situati nei pressi dell’area: “Una volta completato il progetto, la vicinanza di due ulteriori spazi per veicoli, quello all’uscita del cimitero e l’autosilo del supermercato Coop, consentirebbe di eliminare i parcheggi presenti lungo le strade, dando spazio alla mobilità leggera e alla realizzazione di vere piste ciclabili da affiancare ai marciapiedi”.

E’ chiaro quindi come gli attivisti del M5S vedano nella riqualificazione dell’area ex Diana la chiave per rendere la città sempre più a misura d’uomo. Ma dalle ambizioni per il futuro Federico Parini si muove nuovamente verso l’emergenza attuale, lasciando un ultimo consiglio in merito alla mobilità della zona scuole: “Riteniamo che possa essere utile, durante le ore di punta, in concomitanza cioè con l’entrata e l’uscita degli alunni, chiudere al traffico viale Rimembranze – ha concluso -, provvedimento che veniva già adottato in passato”.

-->
"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127