EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
22 Maggio 2017

Juventus, Marotta: “Con Allegri premesse per continuare a lavorare insieme”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“Il rapporto tra Allegri con tutte le componenti societarie è ottimo e credo che il rapporto abbia tutte le premesse per continuare ma al momento non abbiamo affrontato le tematiche legate al futuro perché siamo concentrati su quello che è l’obiettivo più importante della stagione: la finale di Champions del 3 giugno”. Così l’ad e direttore generale della Juventus sul futuro dell’allenatore bianconero. Intervenuto ai microfoni di “Radio anch’io sport”.

(Foto © Facebook Juventus)

Juventus, Marotta: “Con Allegri premesse per continuare a lavorare insieme”. Marotta ha sottolineato che il rapporto fra il tecnico e “tutte le componenti societarie è ottimo, per cui ci sono le premesse per continuare con lui. Ma in questo momento siamo concentrati sulla finale di Champions”. Per Allegri, l’ad juventino ha grandi parole: “ha dimostrato di essere un grande allenatore e professionista, un tecnico moderno. Quando arrivò fu accolto da scetticismo, e da una piccola contestazione. Con i fatti ha dimostrato di essere un grande tecnico”

 “Conte all’Inter? Non ci spaventa”. Antonio Conte sulla panchina dell’Inter? “Non ci spaventa”. Così l’ad della Juventus Beppe Marotta ha risposto a una domanda sulle voci di un possibile arrivo dell’ex allenatore juventino nel club nerazzurro. “Non ci spaventa e anzi siamo più contenti. Il campionato -ha detto Marotta- acquisterebbe più interesse. Finora ha perso qualcosa in brillantezza, mi auguro che sia sempre più competitivo e che noi si sia in alto. Perciò ben venga Conte all’Inter. Voglio ricordare – ha concluso Marotta – che considero Conte e Allegri fra i 5 o 6 migliori allenatori del mondo. Noi siamo stati bravi ad averli individuati, per noi è motivo di orgoglio”.

“Ma scudetto più bello fu 6 anni fa”. “Per me non è quello vinto ieri lo scudetto più bello della Juventus”: così l’ad e direttore generale del club bianconero Giuseppe Marotta che nei suoi ricordi sportivi più felici vede prevalere “quello di sei anni fa” cioè il primo della entusiasmante sestina bianconera. Ai microfoni di ‘Radio anch’io sport’, Marotta ricorda che il successo più bello “fu il primo dei sei vinti da questa gestione, ci fu un’emozione mai provata con il presidente Agnelli, con l’allenatore Conte. La Juventus era reduce da un settimo posto, avviammo una politica di ricostruzione, e quindi in assoluto è stato lo scudetto più bello. Poi, certo anche quello di ieri è stato bellissimo”. Fra i motivi di orgoglio della sua gestione alla Juventus, l’ad Beppe Marotta indica “la valorizzazione del brand” e l’aver “ricostruito il blasone”. Parole tecniche per dire che fino a qualche anno fa c’erano giocatori che rifiutavano di andare a giocare nel club bianconero (“per esempio Di Natale dell’Udinese ci disse educatamente che non gli interessava”) ora invece “c’è la fila. Oggi -ha detto Marotta a ‘Radio anch’io sport’- lo scenario è diverso e tanti calciatori si fanno sentire per venire a giocare da noi. Il lavoro di questi anni ha portato non solo successi sportivi, ma anche di valorizzazione del brand”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127