EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
6 Maggio 2017

Brezzo di Bedero, Urbani: “Dal sindaco accuse non vere, contano i fatti non le parole”

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Una lettera aperta, inviata dal consigliere di minoranza di Brezzo di Bedero, il dottor Alfonso Urbani, alla nostra redazione ed indirizzata al primo cittadino del paesino dell’alto Varesotto, dopo le vicissitudini dell’ultimo consiglio comunale. Il medico luinese critica le modalità utilizzate da Maria Grazia Campagnani durante la seduta, nel quale è stato attaccato duramente durante l’ultimo punto all’ordine del giorno: “Comunicazioni del sindaco”. Ecco il testo integrale.

Brezzo di Bedero, Urbani: “Dal sindaco accuse non vere, contano i fatti non le parole”. “E no signora sindaco così non si fa – esordisce Alfonso Urbani -. Non è concesso. Ma comunque me lo aspettavo. Solo una mente come la sua poteva escogitare un tale sistema per tendere l’ennesimo tranello, l’ennesima imboscata. E così, con la complicità del Segretario Comunale, un tranquillo punto all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio Comunale che doveva esse ‘Comunicazioni del sindaco’, nel quale generalmente si inseriscono comunicazioni di servizio che il sindaco ritiene di dover fare al consiglio stesso e per il quale non sono previsti né atti pregressi, né tanto meno il dibattito si è trasformato in una serie di accuse insensate e infamanti alla mia persona.

Insomma sotto le vesti innocue e le mentite spoglie di ‘Comunicazioni del sindaco’ si è confezionata ad arte uno show degno delle più acerrime campagne elettorali. E così sono stato accusato di affermazioni mai espresse e parole mai dette. Sono stato incolpato di aver asserito, in un precedente consiglio in cui si discuteva la previsione di bilancio, che l’attuale amministrazione comunale si era aumentata l’indennità di carica. In realtà io non ho mai affermato questo. In realtà avevo dichiarato che era sorprendente la politica adottata da codesta amministrazione comunale, caratterizzata da un rigido contenimento dei costi e da una conseguente abolizione di servizi a favore dei cittadini e cercavo di capire l’entità effettiva del risparmio complessivo e i vantaggi che avrebbe avuto il cittadino stesso dalle scelte di recessione dell’amministrazione. Domandai inoltre che, visto che i compensi del sindaco e degli altri amministratori era pressoché raddoppiato (da 14.000-18.000 euro annui a 33.000) rispetto agli anni precedenti se gli amministratori stessi, per rendere più credibile la politica del risparmio esasperato e gli effetti della quale ricadono esclusivamente sui cittadini, intendessero rinunciare all’indennità stessa o a parte di essa versandola come liberalità al comune. Tutto qui.

Inoltre nel suo show ha più volte citato il mio nome accusandomi di latitanza e scarsa presenza comunale durante la mia carica da sindaco, riportando dati inventati e privi di ogni fondamento e contrapponendo invece ad essa la sua presenza costante in comune. Veda sindaco io non penso che l’operosità di un amministratore sia misurabile in base alla propria stanzialità sulla agognata, ambita e preziosissima ‘poltrona’, ma ritengo che facciano fede i fatti. E allora sono lì, da guardare le opere effettuate durante la precedente amministrazione da lei tanto criticata. Se li vada a guardare i parcheggi, gli ambulatori, i marciapiedi, le piazze, le manifestazioni culturali e ludiche effettuate durante la mia amministrazione. Io, al contrario, della sua spocchiosa amministrazione vedo solo tanta arroganza, poche idee e per giunta mal organizzate e …l’acquisto di cinque betulle. Null’altro purtroppo. E questi sono fatti. Tutto il resto, quello che lei enuncia sono fatue accuse verbali. Insomma ai mie fatti lei contrappone… ‘aria fritta’. Anzi forse è meglio che voi ci stiate un po’ meno tempo in comune in tal caso avremmo la speranza che facciate meno danni di quelli che avete fatto finora.

E soprattutto non approfitti del Consiglio Comunale per fare campagna elettorale. Non è fine, non è opportuno e soprattutto non è consentito; altrimenti, per par condicio, esigerò che all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale venga inserito il punto: ‘Comunicazioni del consigliere’. Cordialità. Il consigliere comunale orgogliosamente di minoranza. Alfonso Urbani”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127