24 Aprile 2017

Francia, al ballottaggio sarà Macron contro Le Pen. Tutti i risultati definitivi, scontri nella notte

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Emmanuel Macron al 23,7% e Marine Le Pen al 21,53%. I dati definitivi del primo turno delle elezioni presidenziali francesi confermano il ballottaggio fra l’ex ministro dell’Economia, fondatore del movimento indipendente centrista “En Marche”, e la leader del partito di estrema destra “Front National”, che si sfideranno il prossimo 7 maggio. L’affluenza alle urne è stata del 78,69% contro l’80,42% del 2012.

EPA/YOAN VALAT

Francia, al ballottaggio sarà Macron contro Le Pen. Tutti i risultati definitivi, scontri nella notte. Sarà tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen il ballottaggio, tra due settimane, per la scelta del nuovo presidente francese. Le previsioni della vigilia, dunque, sono state rispettate: Emmanuel Macron scavalca Marine Le Pen nei voti reali. Il ministero dell’Interno francese comunica che il candidato indipendente è al 23,75%, la leader del Front National al 21,53%. A seguire il candidato del centrodestra Francois Fillon al 19,9%, poi quello di sinistra Jean-Luc Melenchon al 19,6%, il socialista Hamon al 6,3% e Dupont-Aignant al 6,3%. Secondo un sondaggio Ipsos/sopra Steria realizzato per France Info, al ballottaggio Emmanuel Macron otterrebbe il 62% delle preferenze contro il 38% di Marine Le Pen.

Record assoluto di voti per il Front National, che sfonda la soglia dei 7 milioni di voti.  Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica in Francia, nessuno dei due candidati dei grandi partiti di centrosinistra – i socialisti – e di centrodestra – i Républicains – va al ballottaggio per l’Eliseo.

 “Si volta oggi chiaramente pagina nella vita politica francese”: è la prima dichiarazione di Emmanuel Macron. “Il Paese – dice il leader di En Marche nel suo primo discorso – sta attraversando un periodo inedito nella sua storia, con la crisi, il terrorismo e ha risposto nel modo migliore. Io – assicura Macron – voglio andare oltre i risultati di stasera e unire tutti i francesi. Porterò avanti l’esigenza di ottimismo e la speranza che noi vogliamo per il nostro Paese e per l’Europa. Spero tra 15 giorni di diventare presidente del popolo francese, dei patrioti, per farla finita con tutti i nazionalismi”. Emmanuel Macron ha ringraziato, inoltre, Francois Fillon e Benoit Hamon per aver dato ai loro sostenitori l’indicazione di votare per lui al ballottaggio del 7 maggio.

Marine Le Pen, nel suo primo intervento dopo i risultati, ha così ringraziato. “Mi avete portato al secondo turno delle presidenziali. Ne sono onorata con umiltà e riconoscenza. Vorrei esprimere a voi elettori patrioti la mia più profonda gratitudine. E’ un risultato storico, un atto di fierezza di un popolo che solleva la testa, che confida nel futuro. Io – ha proseguito – vi propongo l’alternanza fondamentale che fondi un’altra politica. Questo non accadrà con Macron, erede di Hollande e del suo quinquennato catastrofico. Il sistema – ha aggiunto – ha cercato in tutti i modi, anche i più contestabili, di soffocare questo grande dibattito politico. Adesso questo dibattito finalmente si farà. Sì, sono io la candidata del popolo”, ha quindi aggiunto scatenando gli applausi dei suoi militanti.

Dopo i risultati ci sono stati, in serata e nella notte, in diverse città francesi scontri fra polizia e manifestanti di gruppi di estrema sinistra, contrari sia a Le Pen che a Macron. A Parigi, dove vi sono stati tre arresti e due feriti, centinaia di giovani antifascisti, alcuni col volto coperto, si sono ritrovati a Place de la Bastille esortando ad una “notte di barricate”, riferisce il sito di “Le Figaro”. Vi sono stati cariche della polizia, con dimostranti che hanno lanciato bottiglie e petardi contro gli agenti. Arresti sono stati effettuati anche a Nantes, dove gruppi antagonisti hanno marciato dietro lo striscione “Né banchieri, né razzisti”. Lanciate bottiglie molotov e infrante vetrine di banche: la polizia ha risposto con gas lacrimogeni. A Rouen le forze dell’ordine hanno impedito lo svolgimento di un corteo, mentre a Rennes non vi sono stati incidenti malgrado la manifestazione fosse stata vietata. A Tours circa 150 giovani hanno marciato al grido di “Né con Le Pen, né con Macron”, ma anche “Macron e Le Pen, la finanza o l’odio”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127