EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
18 Aprile 2017

Automobilisti italiani, disciplinati solo in teoria. Poco rispetto per limiti velocità e cinture

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Disciplinati nella teoria, trasgressori nella pratica. Gli automobilisti italiani non rispettano i limiti di velocità, guidano senza cinture allacciate e utilizzano il cellulare senza auricolari o vivavoce. Lo rivela un’indagine condotta dall’istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research per conto di Quixa – società che opera nel mercato delle polizze online – dal titolo ‘Stetoscopio – Il sentire degli assicurati italiani’.

Automobilisti italiani, disciplinati solo in teoria. Nessun rispetto per limiti velocità ed uso cinture sicurezza

(ansa.it)

Automobilisti italiani, disciplinati solo in teoria. Poco rispetto per limiti velocità e cinture. Interrogati sul loro comportamento al volante, in media oltre due terzi dei guidatori (72%) dichiarano di rispettare tutte le norme stradali quando si mettono alla guida. Le certezze sulla disciplina in auto cominciano a vacillare quando ci si rivolge ai più giovani: il 35% degli intervistati tra i 18 e i 44 anni ammette di non rispettare sempre le regole, preferendo basarsi più su un presunto buon senso che sul Codice della Strada, a fronte del 20% registrato nella fascia 45-75 anni. Nel dettaglio, emerge che almeno la metà supera i limiti di velocità (51%) o viaggia sul sedile posteriore senza allacciare la cintura (50%). Quattro automobilisti su 10 (42%) non rispettano le distanze di sicurezza. Il 41% degli italiani, inoltre, confessa di non seguire sempre in maniera corretta le norme prescritte per trasportare i bambini. Si attesta intorno al 30% il parcheggio fuori dagli spazi consentiti, che può creare disagio o rischio per la circolazione, mentre l’uso del telefonino senza vivavoce o auricolare viene ammesso solo dal 23,5% degli italiani. Il 23% degli intervistati confessa di sorpassare dove non è consentito, mentre il 17% viaggia senza cintura allacciata sui sedili anteriori. Il rischio alla guida sembra essere una prerogativa più maschile e diffusa tra i giovani. Per tutte le violazioni alle norme, infatti, gli uomini fanno registrare maggiori percentuali: in particolare le differenze maggiori si riscontrano per il superamento dei limiti di velocità (lo ammette il 57% degli uomini contro il 45% delle donne) e per i sorpassi azzardati (26% contro 19%). Le donne prevalgono solo per il minore uso delle cinture di sicurezza, sia sui sedili anteriori sia su quelli posteriori.

Quanto influenzano età e localizzazione. I giovani fino a 44 anni sembrano essere più spericolati al volante: fanno registrare percentuali superiori di comportamenti a rischio rispetto ai guidatori più maturi soprattutto rispetto al superamento dei limiti di velocità (56% nella fascia 18-44 anni, 46% tra i 45 e i 75), il mancato rispetto della distanza di sicurezza (47% contro 38%) e l’uso del telefonino (29,5% dei più giovani, a fronte del 17,1% degli altri). Anche la geografia sembra cambiare i comportamenti al volante. Al Nord si esagera di più con la velocità: lo ammette circa il 60% degli intervistati settentrionali contro il 51% del Centro e il 39% del Sud. La seconda infrazione più commessa è il mancato rispetto della distanza di sicurezza (46% al Nord Ovest e 41% al Nord Est). Al Centro e al Sud è più comune viaggiare senza cintura di sicurezza: quando si viaggia sul sedile posteriore è un comportamento attuato rispettivamente dal 56% e 57% dei cittadini di queste aree, contro il 40% circa del Nord. Una differenza che si evidenzia anche quando ci si trova sul sedile anteriore: il 23% degli intervistati nelle regioni centrali e meridionali, contro il 13% del Nord Ovest e il 7% del Nord Est. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127