3 Agosto 2016

Terrorismo, arrestato oggi un 23enne siriano residente a Varese. Indagati anche tre imam

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Dopo l’espulsione del pakistano di 26 anni, che risiedeva in provincia di Milano, la polizia ha arrestato a Genova un giovane siriano di 23 anni, Muhammad Jrad, per associazione e arruolamento con finalità di terrorismo. La notizia è stata resa nota dalla polizia in un tweet.

La Questura di VareseTerrorismo, arrestato oggi a Genova un 23enne siriano residente a Varese. Un giovane siriano, questa mattina, è stato arrestato dalla polizia di Genova per associazione e arruolamento con finalità di terrorismo. Il siriano ha 23 anni e risiede a Varese con la famiglia dove è stato arrestato. Al suo arresto si é giunti nell’ambito di un’indagine diretta dalla Procura Distrettuale Antiterrorismo di Genova e coordinata dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione. Il reato ipotizzato per il siriano é partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo anche internazionale: nel corso delle indagini è emersa l’intenzione del giovane di recarsi in Siria per unirsi alle fila di Jabat al Nusra, ragione per la quale stava pianificando un imminente viaggio, circostanza che ha portato l’Autorità giudiziaria a emettere, a fronte del “pericolo di fuga”, la misura pre-cautelare del fermo. Non sono emerse evidenze in ordine a possibili progettualità violente da attuare sul territorio nazionale. Sono stati perquisiti anche altri cinque stranieri residenti a Genova, in stretti rapporti di amicizia con il siriano. Il gruppo islamista Jabat al Nusra a cui voleva unirsi il giovane siriano è stato protagonista del rapimento delle due cooperanti italiane Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, avvenuto in Siaria nel luglio del 2014 e conclusosi con la liberazione nel gennaio del 2015.

Oltre all’arrestato, sono sei gli indagati. Con Muhammad sono indagati uno dei suoi quattro fratelli e cinque stranieri residenti a Genova, un albanese e quattro maghrebini. Tre dei cinque indagati di Genova sono referenti di centri di preghiera islamici situati nel capoluogo ligure, gli altri due sono personalità di primo piano dei centri. La loro iscrizione nel registro degli indagati è stata decisa come misura di garanzia. Anche nel loro caso e in quello del fratello di Muhammad il reato ipotizzato è il 270 bis. Le perquisizioni sono state effettuate nei centri di preghiera islamici a Genova, in piazza Durazzo, via Castelli, vico Mandorla e in quello di Rapallo in via Cereghetta. Sono state eseguite anche perquisizioni personali e domiciliari, gli inquirenti stanno vagliando il materiale raccolto. Nel corso delle indagini, svolte dalla digos di Genova e di Varese e dalla polizia postale di Genova e Milano, sono state effettuate anche intercettazioni telefoniche.

“Il nostro lavoro di prevenzione contro la minaccia terroristica si basa anche su una forte attività investigativa – ha sottolineato il ministro dell’Interno Angelino Alfano – ed è proprio a seguito di un lungo e articolato lavoro di indagini, portate avanti dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, con il concorso della Digos e della Polizia Postale e delle Telecomunicazioni di Genova e Milano, in sinergia con le Agenzie di Intelligence e con il coordinamento della Procura Distrettuale Antiterrorismo di Genova, che oggi abbiamo raggiunto un altro importante risultato”. “Si tratta – osserva il titolare del Viminale – di un successo investigativo di alto livello, che ha consentito il fermo di un giovane siriano per reato di partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo internazionale. Infatti, il siriano aveva manifestato l’intenzione di recarsi in Siria per unirsi al gruppo islamista Jabat al Nusra”. “E’ significativo specificare – rileva Alfano – che il fermo del siriano e’ stato possibile grazie alle nuove norme antiterrorismo, da me fortemente volute, in particolare la fattispecie che configura l’auto arruolamento. Le nostre leggi, quindi, funzionano e la sicurezza dei cittadini, in questo particolare momento in cui nessun Paese è rischio zero, è e continuerà ad essere una priorità di questo Governo”. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127