4 Giugno 2016

“L’arte e i beni culturali alla frontiera”, un progetto degli studenti della 4^A Turismo dell’I.S.I.S. di Luino

Tempo medio di lettura: 3 minuti

“L’arte e i beni culturali alla frontiera”, questo il titolo del progetto di educazione al patrimonio culturale in quest’anno scolastico che ha coinvolto gli studenti di una classe dell’I.S.I.S. di Luino. Il lavoro finale verrà presentato lunedì 6 giugno alle ore 10.30 presso l’Auditorium di Maccagno.

“L’arte e i beni culturali alla frontiera”, un progetto degli studenti della 4^A Turismo dell’I.S.I.S. di Luino. Si tratta di un progetto didattico fortemente sostenuto e incoraggiato dal Comune di Maccagno Pino e Veddasca, che rappresenta la prosecuzione di un lavoro avviato nell’anno scolastico 2013-2014, dedicato alla fragilità del patrimonio culturale e che vede impegnati gli studenti della classe 4^A Turismo dell’I.S.I.S. Città di Luino “C. Volontè”. Caratteristiche fondamentali del percorso sono l’approccio multidisciplinare alla materia, la previsione di momenti formativi teorici, ma soprattutto le attività laboratoriali, gli incontri con esperti del settore e con rappresentanti delle Istituzioni coinvolte nella tutela dei beni culturali, le uscite sul territorio.

Di grande rilevanza gli obiettivi del progetto: conoscere alcuni dei beni culturali presenti nel territorio del Luinese (da Castelveccana a Maccagno con Pino e Veddasca) con particolare attenzione alle necessità conservative; sensibilizzare gli alunni a sentirsi soggetti responsabili della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio culturale in un’epoca (della globalizzazione) particolarmente difficile; dotare gli studenti di strumenti critici per una responsabile comprensione del presente e una fruizione attiva e consapevole del nostro patrimonio culturale (educazione alla cittadinanza). Gli studenti hanno avuto modo di riflettere sul concetto di “bene culturale” e sugli elementi che caratterizzano il complesso sistema dei beni culturali nel nostro Paese e, da un punto di vista più pratico, hanno acquisito la conoscenza approfondita delle fondamentali norme giuridiche in materia.

Nell’ambito di queste finalità, gli studenti hanno svolto, negli anni scolastici precedenti, un lungo cammino di avvicinamento all’opera di Bernardino Luini, celebre pittore del Cinquecento originario di Dumenza. Attraverso l’approfondimento della sua figura, i sopralluoghi nei luoghi dove se ne conservano i principali cicli di affreschi, nonché la visita alla grande esposizione milanese dedicata al pittore nel 2015, infatti, gli studenti hanno potuto avvicinare la complessità della costruzione di un percorso culturale, dal semplice reperimento di notizie pratiche alla necessità di riflessioni preventive per organizzare gruppi di visita guidata a chiese o a eventi. Con l’anno in corso, grazie all’affinamento delle conoscenze acquisite, il percorso si concluderà con la redazione di un pieghevole dal titolo “Bernardino Luini nella sua terra natale”; questa pubblicazione condenserà – per la prima volta – informazioni culturali e turistiche in forma di itinerario tra il Verbano, Saronno, Legnano e Lugano. È dedicata a chi voglia scoprire, conterraneo di Luini o viaggiatore di passaggio, capolavori “a portata di mano”.

Oltre alla conclusione dell’approfondimento sul Luini, gli studenti hanno avviato un nuovo percorso di studio dedicato ai reati contro il patrimonio culturale avvenuti “alla frontiera”. Partendo da notizie di cronaca di illeciti in materia di beni culturali (compresi dipinti, beni di interesse archeologico, paleontologico, numismatico ecc.) gli studenti sono stati guidati in una prima analisi del sistema di tutela penale previsto nel nostro ordinamento giuridico e nell’esame di alcune fattispecie di reato di particolare gravità: scavo e commercio clandestino, esportazione illecita, contraffazione, furto di beni culturali.

Il lavoro finale verrà presentato in data 6 giugno alle ore 10.30 presso l’Auditorium di Maccagno. Il gruppo di lavoro, presieduto dalla Prof.ssa Filomena Parente, docente referente del progetto , ha visto la collaborazione di esperti esterni: Tiziana Zanetti per la cura degli approfondimenti in materia di diritto dell’arte e Federico Crimi per quelli storici e storico-artistici. Gli studenti hanno inoltre incontrato Alessandra Pozzi, esperta di conservazione dei beni culturali, in tema di restauro.

Si rivolge un ringraziamento particolare alla Guardia di Finanza, Compagnia di Luino che, nella persona del Maresciallo Angelo Bellantonio, è intervenuta nel percorso di approfondimento, illustrando le funzioni che essa svolge in materia di reati contro il patrimonio culturale e, più in generale, le attività di polizia giudiziaria. Gli studenti hanno vissuto con grande partecipazione questa preziosa opportunità non solo di educazione alla legalità ma anche di crescita culturale e civile.

La Dirigente scolastica, Prof.ssa Lorena Cesarin, onorata della collaborazione, nel ringraziare il Capitano della Guardia di Finanza di Luino, Dott. Alberto Potenza, ha sottolineato l’importanza fondamentale del binomio legalità-beni culturali e della collaborazione da parte della scuola con le istituzioni del territorio, al fine di garantire agli studenti una cultura ampia e poliedrica, ricordando che senza legalità non ci può essere crescita.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127