2 Novembre 2015

Legge di stabilità, tutti i dubbi dei tecnici del Parlamento: dal canone Rai alla Tasi

Tempo medio di lettura: 2 minuti

I tecnici del Parlamento esprimono i loro dubbi su alcune questioni legate alla Legge di stabilità: canone Rai e Tasi. E’ quanto si legge nel dossier del Servizio Bilancio di Camera e Senato sul ddl stabilità.

(Archivio - Foto © ilgiornale.it)

(Archivio – Foto © ilgiornale.it)

Dubbi sul gettito atteso dal canone Rai. I tecnici di Camera e Senato chiedono inoltre chiarimenti sulla verifica dell’entità del gettito atteso dall’introduzione del canone Rai in bolletta elettrica così come dati aggiornati in tema di evasione/adempimento e morosità con riferimento sia al pagamento del canone sia a quello delle utenze elettriche. In particolare si ritiene utile “verificare se sia tenuto conto dell’impatto sul gettito atteso di eventuali contenziosi in relazione a incerteze applicative che potrebbero derivare dalla nuova presunzione legale di possesso di apparecchio televisivo e dagli obblighi posti a carico di soggetti privati e non privi di rilevanza economica”. Per i tecnici, “non appare del tutto chiara”, inoltre, la formulazione della misura nella parte in cui “attribuisce le quote delle entrate del canone di abbonamento già destinate dalla legislazione vigente a specifiche finalità sulla base dell’ammontare delle predette somme iscritte nel bilancio di previsione per l’anno 2016”. Il chiarimento, sottolineano “appare opportuno sia al fine di escludere conseguenze pregiudizievoli per l’erario per l’eventualità in cui nell’esercizio 2016 si registrino minori entrate a titolo di canone sia al fine di evitare che il nuovo criterio di imputazione per gli esercizi futuri, in relazione alla destinazione di minori somme rispetto allo stanziamento per l’anno 2016. Non sia in grado di assicurare adeguatamente la copertura degli oneri a cui il canone è destinato dalla legge”.

L’aumento della dotazione del fondo di solidarietà comunale limita la possibilità di manovra dei Comuni. Infine, per i tecnici l’aumento della dotazione del fondo di solidarietà comunale in sostituzione del gettito Tasi per le prime case, e di quello Imu per i terreni agricoli, previsto della legge di Stabilità, “limita la possibilità di manovra dei Comuni”. In particolare, secondo i tecnici, tale misura “può determinare un irrigidimento dei bilanci comunali in quanto limita la possibilità di manovra dei Comuni a valere sulle proprie entrate a scapito della voce maggiormente rigida e fissa del fondo in esame”. (AGI)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127