6 Marzo 2015

Luino: presentato il progetto per Palazzo Verbania, grande partecipazione da parte dei cittadini

Tempo medio di lettura: 5 minuti

“Vogliamo che Palazzo Verbania diventi un punto di riferimento per i luinesi, per farlo tornare ai fasti di un tempo”. E’ questo l’obiettivo del progetto per la riqualificazione di Palazzo Verbania a Luino, che è stata presentato ieri nella sala consiliare del Comune. Sono tante le particolarità architettoniche che sono state descritte nei minimi dettagli: l’esterno dell’edificio, la facciata e gli interni. Saranno tre gli ingressi per entrare a Palazzo Verbania, che verrà circondato da uno spazio fruibile da parte di tutti, e nel progetto è presente una grande attenzione al risparmio energetico e alle future esigenze dei cittadini che vorranno “vivere” la struttura: alcuni spazi espositivi, la sala conferenze, il book-shop, il caffè letterario e la terrazza sul lago. Dal punto di vista culturale, invece, il lavoro è seguito da un gruppo di studenti luinesi e da alcuni addetti ai lavori, ed il progetto verrà presentato nei prossimi mesi. Grande la partecipazione del pubblico con numerosi gli interventi che hanno sollevato dubbi, critiche e perplessità. Presenti anche il sindaco di Luino, Andrea Pellicini, che ha ringraziato i presenti e ha letto una lettera del Governatore di Regione Lombardia Roberto Maroni, il vicesindaco, Alessandro Casali, numerosi consiglieri ed assessori e, soprattutto, tanti luinesi.

Il progetto per la riqualificazione di Palazzo Verbania. In una sala consiliare gremita (ndr, solitamente nei consigli comunali gli “spettatori” non sono più di quattro) è stato presentato ieri sera il piano per il progetto di riqualificazione di Palazzo Verbania. Un incontro interessante che ha suscitato la curiosità di così tanti luinesi, e non, per un progetto che riconsegnerebbe una grande centralità all’ex Kursaal luinese. L’intento dell’architetto Patrizia Buzzi, del suo studio e dei colleghi presenti (ndr, l’architetto Laura Longhi e l’ingegner Roberto Bottelli) è proprio questo, ridare al Palazzo Verbania lo splendore avuto nel secolo scorso quando tra balli, cene ed iniziative l’edificio era il centro nevralgico della vita cittadina. L’intervento dell’esperto storico dell’arte luinese, Federico Crimi, è stato molto interessante ed è andato a ripercorrere proprio la “vita” di Palazzo Verbania. L’edificio andrebbe ad inserirsi in un contesto più ampio, utilizzabile per cerimonie, feste, cene, incontri e conferenze, matrimoni, mostre e, non da ultimo, da polo culturale cittadino. Di proprietà del Comune di Luino, con un finanziamento di 1,8 milioni di euro, quasi totalmente a carico di Fondazione Cariplo e Regione Lombardia, Palazzo Verbania sarà teatro dei lavori di riqualificazione a partire da aprile, con la conclusione prevista entro il 2016.

L’esterno di Palazzo Verbania, il piazzale adiacente e la facciata. Grazie ad un lavoro di entourage, con lo studio Buzzi in primis e la Soprintendenza dei Beni Architettonici, l’obiettivo, quindi, è quello di riportare Palazzo Verbania alla stessa armonia che aveva un tempo, almeno esternamente. La facciata, infatti, verrà restaurata totalmente e verranno rimessi in luce tutti quegli elementi, troppi ormai, che sono in condizioni precarie e danneggiati vistosamente. Saranno tre gli ingressi che permetteranno alle persone di poter entrare: quella da viale Dante-Piazza Garibaldi, l’entrata principale presente in passato, che darà accesso al book-shop, e due laterali; una di queste permetterà l’ingresso ai piani superiori, con una rampa per favorire la fruibilità del Verbania da parte dei disabili, e l’altra, invece, che porterà, come oggi, direttamente nella sala conferenze, a ridosso del lago. Adiacente all’edificio sorgerà un piazzale con alberi che potrebbe permettere, come nella nuova fascia di lungolago, gradevoli camminate e tranquilli momenti di riposo.

Il piano terra, il primo, il secondo piano ed il sottotetto. Una volta “entrati all’interno” si può osservare che il piano terra verrà strutturato, come è attualmente, con uno spazio per la sala conferenze (ndr, verso il lago), con un corridoio che darà accesso alle scale e ad un ascensore per i piani superiori, e con un book-shop che, invece, darà la possibilità ai visitatori di arrivarci dall’ingresso principale. Salendo le scale, con alcune proposte culturali interessanti al vaglio dell’architetto, si arriva al primo piano dove si trova una sala espositiva ed un caffè letterario che darà la possibilità a tutti di potersi godere un caffè o la tranquillità del paesaggio sul lago sulla terrazza. Il secondo piano ospiterà un’aula didattica o di consulenza e gli archivi di Vittorio Sereni e Piero Chiara, attualmente presenti all’interno della Biblioteca di Villa Hussy, mentre sorgerà uno spazio che darà su viale Dante, presente prima dell’ultima ristrutturazione nel 1975. Nel sottotetto dell’edificio, inoltre, ci sarà la possibilità di visionare foto e video dell’archivio dei due autori luinesi. Tutto verrà curato nei minimi dettagli per modernizzare l’intera struttura, a partire da un’attenzione per migliore l’acustica della sala conferenze con un trattamento particolare per soffitto e pareti.

Il piano di sostenibilità energetica e quello culturale, per la rivalorizzazione di Palazzo Verbania. A presentare i dettagli inerenti alla sostenibilità energetica che avrà il “nuovo” Palazzo Verbania è stato l’architetto Laura Longhi, che ha spiegato le particolarità del sistema termico a cappotto interno, che attraverso l’isolamento permetterà una minore dispersione di calore verso l’estero e quindi di un grande risparmio in termini economici. L’ingegner Roberto Bottelli, invece, ha delineato il progetto per il “free cooling”, un sistema di raffreddamento che sfrutta la sola differenza di temperatura con l’ambiente esterno, e di un piano per fare in modo che Palazzo Verbania sfrutti l’energia del terreno attraverso tecnologie moderne, approvate da Regione Lombardia e dal Parlamento italiano. All’interno di Palazzo Verbania, inoltre, verrà predisposto il servizio WiFi ed una sezione di accessibilità multimediale. Il piano culturale è stato presentato a grandi linea dalla dottoressa Tiziana Zanetti, responsabile della Biblioteca di Luino. Zanetti ha spiegato i progetti dell’attività didattica e dell’archivo di Chiara e Sereni. Attualmente è in fase di elaborazione il piano che andrà ad offrire a tutti i visitatori la possibilità di consultare gli archivi e tutto il materiale che verrà messo a disposizione. Grande l’interesse e l’impegno dimostrato da parte delle scuole e degli studenti luinesi.

Le critiche, i dubbi e le perplessità dei presenti. A chiudere l’incontro, infine, sono state le domande dei presenti che hanno dimostrato l’interesse e la passione per Palazzo Verbania esprimendo critiche, dubbi e perplessità tanto per il progetto architettonico, quanto per il piano culturale. Alcuni hanno parlato dell’aspetto legato al posizionamento del book-shop e del caffè letterario che non permetterebbe, da un punto di vista di comodità e fruibilità in termini commerciali, il meritato accesso da parte dei luinesi. Altri hanno sollevato la questione dell’acustica della sala conferenze, da sempre nell’occhio del ciclone non solo per i muri ed il soffito, ma soprattutto per gli infissi che danno sul lago, che creano sempre particolari problemi. Altri ancora hanno sottolineato l’importanza di un piano culturale che sia dedicato anche ai turisti e non solo ai luinesi. Tutte critiche legittime che, in fase di progettazione e di riqualificazione, si spera che lo studio Buzzi terrà presente, per rendere migliore il Palazzo Verbania di Luino. L’alta partecipazione di ieri, infatti, ha dimostrato quanto i luinesi saranno attenti ai lavori di questo progetto.

Per approfondire: 

Luino, giovedì sera in Comune un incontro per presentare il progetto di riqualificazione di Palazzo Verbania

– Palazzo Verbania è di proprietà del Comune di Luino, il sindaco Pellicini: “Una soddisfazione enorme”

– Luino, Regione Lombardia conferma i 500 mila euro per la ristrutturazione di Palazzo Verbania

– Siglato a Milano l’accordo tra l’Agenzia del Demanio ed il Comune di Luino per la valorizzazione del Palazzo Verbania

– Luino, anche ad agosto il Comune lavora per il “Palazzo Verbania”. Approvato il progetto per gli archivi di Sereni e Chiara

– Luino, la rinascita di “Palazzo Verbania” tra gli archivi storici di Chiara e Sereni ed un ristorante

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127