Piambello | 16 Maggio 2024

Maltempo, dalla Valceresio al Tresa tanti interventi e attenzione al massimo

Da ieri, nel solo Varesotto, i vigili del fuoco hanno effettuato 93 interventi. All’opera anche tanti volontari dei gruppi di Protezione civile. Caduti già oltre 160 millimetri di pioggia

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Continua a piovere, pressoché ininterrottamente, sul Varesotto così come in tutta la Lombardia. Nel complesso gli interventi di soccorso tecnico urgente effettuati dai vigili del fuoco dalla mezzanotte del 15 maggio sono stati 790, con un progressivo calo rispetto alle prime ore dell’emergenza.

Nella sola provincia di Varese sono 93 le situazioni in cui i vigili del fuoco sono intervenuti per risolvere criticità di vario genere, dagli allagamenti alle piante cadute, senza contare tutte le attività parallele portate avanti dai tanti volontari dei gruppi locali di Protezione civile.

Impegnati fin dall’alba di ieri, ad esempio, gli operatori della Protezione civile del Piambello, in particolare tra Induno Olona, Valganna e Bedero Valcuvia: diversi gli alberi crollati a causa delle forti piogge, così come le strade allagate sia nei paesi sia sulla statale e SP11. Oltre alla necessaria ripulitura per facilitare il deflusso delle acque e alla rimozione di detriti vegetali, i volontari si sono adoperati anche per estrarre alcuni tronchi finiti nella chiusa del lago di Ghirla.

Al lavoro anche l’Intercomunale Valcuvia, tra interventi e continuo monitoraggio dei punti più critici su tutto il territorio insieme ai vigili del fuoco.

Nel frattempo, dato l’allarme per la piena del lago di Lugano e, di conseguenza, del fiume Tresa lanciato ieri dal Ticino, l’attenzione è concentrata anche sul corso d’acqua che sfocia nel Verbano: «La situazione, per il momento, è tranquilla – afferma il sindaco di Germignaga Marco Fazio – Stamattina la Protezione civile ha fatto un nuovo giro di monitoraggio: arriva molta acqua nella vasca di laminazione Maina Mondiscia ai Premaggi, ma le pompe funzionano bene e i livelli sono sotto controllo».

La Società di Navigazione Lago di Lugano ha inoltre comunicato che, proprio a causa dell’alto livello del Ceresio, le imbarcazioni non possono passare sotto al ponte di Melide e, dunque, le corse odierne previste nella zona sud del lago sono state annullate.

Nelle prossime ore, secondo quanto rilevato dal meteorologo varesino Gianluca Bertoni, si susseguiranno ancora «rovesci e temporali, con qualche pausa e anche qualche effimera schiarita. Localmente i rovesci temporaleschi potranno risultare intensi e anche associati a grandine (probabilmente non di grosse dimensioni)». Se ieri sono caduti oltre 145 millimetri di pioggia, nelle prime ore di oggi ne sono già stati rilevati una ventina.

Le previsioni del Centro Geofisico Prealpino vedono, per domani, venerdì 17 maggio, nuvolosità al mattino con ancora qualche rovescio e temporale. Meno nuvole nel pomeriggio, ma ancora possibili rovesci e locali temporali, mentre le temperature massime saranno in lieve aumento e le minime in calo.

Sabato 18 a tratti nuvoloso al mattino, poi soleggiato. Nel pomeriggio non esclusi isolati rovesci, più probabili in area pedemontana. Temperature massime in lieve aumento, di poco superiori ai 20°C. La tendenza per domenica 19 e lunedì 20 maggio è di un tempo parzialmente soleggiato con formazione di cumuli, spesso asciutto, ma possibili rovesci nel pomeriggio. Temperature massime in lieve aumento.

La goccia fredda che ha generato le forti piogge di questi giorni, anticipa Bertoni, «probabilmente non morirà e sarà responsabile di una nuova fase di maltempo per la prossima settimana».

© Riproduzione riservata

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127