Varese | 7 Ottobre 2021

Una lectio magistralis della luinese Tiziana Zanetti sul “Diritto dell’arte alla Frontiera”

Sabato 8, alle 18, presso Sala Verratti, la rassegna di "Il Labirinto dialogo con Minosse", organizzato dall'associazione Liberti Artisti della provincia di Varese

Tempo medio di lettura: 2 minuti

A settembre i “Liberi Artisti della Provincia di Varese” hanno inaugurato la loro prima mostra in presenza, dopo il lungo periodo di chiusure e difficoltà, a causa del Covid, dal titolo “Il Labirinto – Dialogo con Minosse – Il disorientamento dell’uomo”. La mostra è una collettiva che vede trenta opere proposte da altrettanti artisti, tutte ispirate al labrinto.

Vanta il partenariato del Comune di Varese e si inserisce nel percorso degli eventi collaterali programmati dalla Varese Design Week 2021. Tutto è stato ripreso là da dove si era fermato, lasciandoci sospesi nel limbo dell’incertezza: la mostra, che avrebbe dovuto far parte della Varese Design Week 2020 e del progetto Labyrinth, non ha avuto luogo per impedimenti legati alla pandemia e ai rischi di contagio.

E’ per questo che la nuova esposizione ha acquisito maggiore valore e significato: l’arte è tornata in Città in uno dei suoi luoghi più iconici per suggerire un possibile percorso per la rinascita. Il Labirinto, infatti, è il tema guida attorno a cui si è espressa la creatività di pittori, scultori, fotografi e poeti. Un’occasione di incontro tra diversi linguaggi artistici per ricordare che la creatività è una possibile chiave di lettura nella ricerca della via di uscita dal caos e dal disorientamento.

Ed è in questo contesto che si inserisce l’evento di sabato 8 ottobre, alle ore 18, presso Sala Verratti a Varese, dove la dottoressa luinese Tiziana Zanetti parlerà e si confronterà con il pubblico di un tema molto interessante, vale a dire quello del “Diritto dell’arte alla Frontiera“, del quale la relatrice è una grande esperta.

Tante le minacce nei confronti del nostro patrimonio culturale millenario, dai furti ai traffici illeciti, arrivando ad esportazioni segrete e vendite da parte di ricettatori. “Abbiamo un grande patrimonio culturale in Italia e fondamentali organi a livello mondiale come il Comando dei carabinieri per la tutela del patrimonio culturale, ma questo non basta – commenta Zanetti -. Fondamentale è l’educazione al patrimonio e alla sua importanza”. Grande spazio ci sarà alle criticità legate alla circolazione legale di opere d’arte nei Paesi Ue e in quelli extra Ue.

“Forse siamo finalmente usciti dal labirinto – ha commentato Nicoletta Romano, Presidente Liberi Artisti della Provincia di Varese A.P.S -. È proprio questa speranza che ha fatto da elemento propulsore, dandoci la forza di continuare superando l’arduo periodo di totale isolamento che come tutti, abbiamo dovuto affrontare. Una lunga e drammatica fase storica, per gli artisti in particolare, rinchiusi nei loro studi, a tu per tu con i loro talenti senza poterli svelare al mondo”.

“Fortunatamente però l’arte non è solo creatività e genialità – continua Romano -: possiede anche un potere salvifico, uno dei modi più elevati di estraniarsi annullando le contingenze della dura realtà. Ed è sovente nei momenti più bui che l’artista riesce a dare il meglio di sé… vi invito ad una full immersion nell’ambito di questa mostra che distilla bellezza e speranza per un mondo nuovo, non senza porgere i nostri più vivi ringraziamenti al Comune di Varese e a Daniele Cassinelli, Direttore dei Musei Civici di Varese che ne hanno permesso l’attuazione”.

Fino 31 ottobre sarà possibile visitare l’esposizione nella storica location varesina di Sala Veratti. Orari apertura: Giovedì e Venerdì 14:00/18:00 Sabato e Domenica 9:30/12:30 – 14:00/18:00 (Accesso con Green Pass)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127