EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 14 Settembre 2021

Luino, “Un libro nel cuore”: al via il festival di letteratura a Palazzo Verbania

Domenica l’inaugurazione della rassegna con l’autrice Sara Magnoli che presenterà il suo giallo “Se è così che si muore”. Ecco tutto il programma completo

Tempo medio di lettura: 4 minuti

“Un libro nel cuore”: il festival di letteratura al via domenica 19 settembre a Palazzo Verbania di Luino attraverso la collaborazione tra l’associazione Amici del liceo scientifico “Vittorio Sereni” e la storica libreria luinese Cerutti & Pozzi – Mondadori Bookstore, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune, vuole anche poter rendere, almeno nel ricordo del titolo, omaggio al grande romanziere Piero Chiara, offrendo otto proposte letterarie tra alcuni dei nomi più interessanti nel panorama nazionale. E dando spazio ad autori locali, sempre con un occhio di riguardo alla qualità e all’attenzione crescente da parte del pubblico, e al legame con i luoghi nelle narrazioni, altro particolare che vuole essere, in qualche modo, un ulteriore omaggio e ringraziamento a Chiara.

Le scelte toccano diversi generi letterari, rivolgendosi a un pubblico a 360 gradi e andando anche a offrire appuntamenti che privilegiano i lettori più giovani, scegliendo argomenti che possano essere sicuramente un momento di intrattenimento, ma anche permettere una riflessione e un dibattito e aprendo le porte della presentazione a novità letterarie autunnali ma anche a romanzi di qualità pubblicati nei mesi del lockdown che possono così uscire dalle presentazioni online e incontrare in presenza i lettori.

Da Margherita Oggero a Piergorgio Pulixi, da Raul Montanari a Francesco Muzzopappa, da Sara Magnoli a Patrizia Emilitri, da Marco Marcuzzi a Maria Rosaria Valentini: otto, dunque, gli incontri che, tra settembre a novembre, vogliono essere non solo presentazioni di libri, ma anche spunto di discussione e confronto con i lettori e con il pubblico più ampio possibile.

L’apertura del festival – tutti gli incontri si terranno a Palazzo Verbania –, in programma domenica 19 settembre alle 17.30, è affidata a una scrittrice del Varesotto, Sara Magnoli, con il suo giallo Se è così che si muore (Bacchilega Editore): un viaggio nel non detto, nei segreti, nella tratta di essere umani di cui poco si parla ma che esiste prepotentemente. L’autrice è già conosciuta a Luino: il suo libro per ragazzi Dark Web (Pelledoca Editore) è stato letto da molti ragazzi delle scuole ed è stato presentato online nella rassegna dei Mercoledì d’Autore che la libreria Cerutti & Pozzi ha proposto negli scorsi mesi estivi con un ottimo successo di visualizzazioni e interazioni.

Domenica 26 settembre alle 17.30 Il vizio della solitudine (Baldini + Castoldi) di Raul Montanari, scrittore amatissimo e direttore di una delle più prestigiose scuole di scrittura creativa in Italia, trasporterà sulle sponde del Ticino la partenza di un thriller psicologico mozzafiato, genere a cui torna a trent’anni dal suo esordio, aprendo con lo sguardo di un cormorano la storia di un ex ispettore di polizia che, cacciato per essersela presa con un intoccabile, assiste per caso ai preparativi di un omicidio e, intervenendo, scatena contro di lui una vendetta che lo costringe a esplorare la parte più oscura di se stesso. In solitudine.

Marco Marcuzzi porterà invece a indagare su un Mistero nero a Castelveccana (Macchione Editore) venerdì 1 ottobre alle 20.45. La quarta indagine del commissario Florio, creato dallo scrittore, pianista e compositore di musica per cinema e teatro, nato a Treviso, cresciuto a Venezia, Firenze e poi in Valcuvia, mette il lettore faccia a faccia con uno spietato serial killer che uccide lasciando ogni volta una parola scritta per comporre una frase criptica. E per risolvere il mistero, il commissario deve confrontarsi con vicende squallide che riemergono dal passato. Una narrazione serrata dove non manca però l’ironia.

La storia di due donne coraggiose, Lucietta e Lia, a metà Ottocento nella valle di Comino, contadine di una bellezza disarmante che sognano e valicano i limiti e i confini, è al centro di Eppure osarono (Francesco Brioschi Editore) che Maria Rosaria Valentini presenterà domenica 24 ottobre alle 17.30. L’autrice, che oggi vive in Svizzera, ma che proprio della valle di Comino è originaria, e che ha all’attivo libri tradotti anche in Francia e Germania, trasporta qui in una fuga di due donne, in compagnia del fidanzato di una di loro, per provare a costruirsi una vita migliore. Una scelta non priva di rischi e che richiedeva molto coraggio.

La simpatia e la verve di Francesco Muzzopappa, sabato 6 novembre alle 17.30, si rivolgeranno anche ai giovani lettori, con un omaggio particolarissimo a Dante, nei settecento anni dalla morte, e le scorribande del disastroso Matt. Sono due i divertentissimi libri di cui parlerà, entrambi editi da De Agostini: L’Inferno spiegato male, un libro gioco appassionante con cui dice di aver fatto pace con il Sommo Poeta, e Il nuovo catastrofico libro di Matt, tra droni telecomandati che si scopre hanno una vita propria. E possono diventare motivo di incidenti terribili che fanno finire in punizione. Se non a veri e propri “lavori forzati”. Che possono però diventare qualcosa di molto intrigante.

Il lago Maggiore fa da sfondo anche al romanzo Nient’altro che nebbia (Tea) dell’autrice varesina Patrizia Emilitri, vincitrice tra l’altro, con il suo volume di racconti d’esordio, del Premio Chiara sezione inediti, la cui presentazione è in programma per sabato 13 novembre alle 17.30. Il suo nuovo libro, avvincente e pieno di realismo, si apre su un risveglio terribile per una piccola comunità che in una mattina di nebbia a novembre si trova a fare i conti con il cadavere di una giovane trovato vicino al lavatoio del paese, con accanto una zainetto con portafogli e documenti della persona che l’ha vista viva per ultima, un altro ragazzo del paese, tranquillo e studioso, che confessa. Ma non tutto è così lineare come sembra.

Dopo essere stato molto apprezzato nella sua presentazione online alla Cerutti & Pozzi lo scorso giugno, arriverà a Luino in presenza domenica 21 novembre alle 17.30 Piergiorgio Pulixi, Premio Scerbanenco 2019, con il suo nuovissimo romanzo Per colpa mia (Mondadori). Una storia che parla, come ha anticipato lo scrittore, dei fantasmi della colpa e che offre al lettore un altro eccezionale personaggio destinato a conquistare il pubblico: la vicecommissaria Giulia Riva, che si presenta per la prima volta durante un interrogatorio in cui il colpevole è anche una vittima: una moglie che ha subito abusi psicologici da parte dell’amante del marito, che lei ha ucciso.

A concludere il festival sarà una scrittrice tra le più amate e apprezzate dal pubblico, Margherita Oggero, resa celebre dai gialli della “prof” Baudino trasposti anche sul piccolo e grande schermo, ma che sabato 27 novembre alle 17.30 a Luino presenterà un libro capace di suscitare profonde emozioni. Il gioco delle ultime volte (Einaudi) è quasi un rimandare di esperienze come se riflesse in uno specchio, tra una diciassettenne che lotta tra la vita e la morte dopo un incidente e il medico che l’ha soccorsa e che si trova a rivivere i suoi diciassette anni, trent’anni prima, con le illusioni, i dolori immensi, il pensare a quando è stato quell’ultima volta che non torna più, ma che esige ancora risposte.

L’ingresso agli incontri è gratuito, ma su prenotazione obbligatoria. Per informazioni è possibile rivolgersi alla Libreria Cerutti & Pozzi – Mondadori Bookstore in via XV Agosto 13 a Luino, telefonando allo 0332 530317 o all’Infopoint Luino (viale Dante Alighieri, 5) allo 0332 543546.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127