EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Laveno Mombello | 28 Luglio 2021

Caso collina San Michele, l’amarezza del circolo “Legambiente Valcuvia e Valli del Luinese”

Nella serata di martedì l'incontro al quale hanno partecipato una sessantina di persone. Dal circolo: "Il nostro impegno proseguirà nell'interesse del territorio"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Abbiamo deciso di non ricorrere in appello e di non rivolgerci al Consiglio di Stato. Non ci aspettavamo che il TAR ci condannasse al pagamento di 10mila euro per le spese legali, 5mila alla società Argo Immobiliare MB 19 e altri 5mila ai legali della Soprintendenza. Sembra quasi che si voglia disincentivare le associazioni ambientali a impegnarsi per l’interesse pubblico”.

Queste le parole di Cinzia Badalotti, referente del locale di Legambiente Valcuvia e Valli del Luinese, a margine dell’incontro di martedì sera presso la sede di Vele d’epoca di Laveno Mombello, dove, davanti ad una sessantina di persone, nonostante il maltempo e il periodo di vacanze, è intervenuto anche il legale del circolo, l’avvocato Andrea Civati, che ha spiegato nel dettaglio i tanti tecnicismi amministrativi relativi al respingimento, da parte del TAR, del ricorso presentato dall’associazione ambientalista in merito alla vicenda delle costruzioni nell’area della Collina San Michele, che si trova nell’area tra il Parco Torrazze e il Parco Castello.

La situazione è tutt’altro che semplice e il nocciolo della questione riguarda il cambiamento di pareri da parte degli enti preposti per l’edificabilità di palazzine residenziali, di una strada di collegamento e di un parcheggio pubblico a metà versante. Negativi, prima, i pareri della Commissione Paesaggio del Comune e della Sovrintendenza, e successivamente, una volta passata la palla alla Comunità Montana Valli del Verbano, diventati positivi, sia dall’ente di secondo livello che dalla Sovrintendenza.

Proprio su questa divergenza di vedute – ha commentato l’avvocato Civati -, abbiamo presentato il ricorso che è stato respinto: sono state impugnate l’autorizzazione paesaggistica e il permesso di costruire, e così facendo i lavori, che ora sono stati sospesi, riprenderanno, ma non sappiamo termini e tempi. Il Tar, però, ha respinto il ricorso sostenendo che si tratta di due procedimenti diversi e che non necessariamente ci fosse connessione tra i due atti”.

Amarezza per tutto il direttivo del circolo locale di Legambiente: “Non traiamo nessun vantaggio da queste costruzioni, così come non lo faranno i cittadini. La nostra attività comunque proseguirà senza sosta: abbiamo chiesto un tavolo di lavoro all’amministrazione comunale, dopo un incontro con sindaco ed assessore all’Ambiente, coinvolgendo associazioni, commercianti e imprenditori del territorio”.

L’obiettivo dell’associazione è quello di non avere un ulteriore consumo di suolo, favorendo la valorizzazione delle aree già presenti nei punti strategici. “Sarà fondamentale lavorare al meglio in vista della variante e della revisione del PGT”, ha dichiarato ancora Badalotti.

“Un grazie a tutto lo staff di ‘Vele d’epoca’ – ha proseguito ulteriormente la referente del circolo locale di Legambiente -, che ci ha accolto per questa serata che riteniamo sia andata bene. Molti amici e conoscenti, che ci sostengono da sempre in questa nostra battaglia pacifica, virtualmente erano con noi. Un grazie anche agli studenti della ‘Scuola Arte e Messaggio’ che, insieme all’architetto Rita Sicchi, hanno realizzato un video (già proiettato nel febbraio 2020, prima della pandemia, ndr), nel quale si parlava di un progetto di sistemazione dal Parco Torrazze al Parco Castello”.

“Si tratta di un filmato molto suggestivo, che rende molto bene l’idea di quelli che erano i nostri sogni progettuali per un’area di grande pregio che si affaccia sul golfo di Laveno – ha concluso Badalotti -. Il nostro paese non ha bisogno di altro cemento, ma ha necessità di ritoccare in modo creativo le aree verdi già attrattive per il turismo”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127