EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 7 Luglio 2021

Luino, un comitato per il no all’eutanasia legale: “La vita umana va tutelata dal concepimento alla morte”

Alessandro Franzetti lancia l'iniziativa, dopo la notizia della raccolta firme in città per il referendum abrogativo. "Propongo anche un dibattito a più voci"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(A cura di Alessandro Franzetti, già presidente del Consiglio comunale di Luino) Sono venuto a conoscenza della raccolta firme promossa dal Comitato Eutanasia Legale sostenuto dall’Associazione Luca Coscioni, da Radicali Italiani, dall’UAAR e dalla Chiesa Pastafariana Italiana.

Il mio auspicio è prima di tutto che vengano raccolte le 500 mila firme per proporre questo referendum abrogativo in modo tale che i cittadini italiani possano dire la loro.

L’eutanasia legale è un tema etico come l’aborto e il divorzio ed è giusto che sia tutto il corpo elettorale a esprimersi. Entrando nel merito della questione, io voterò NO a questo referendum abrogativo se si svolgerà e organizzerò un comitato per il NO all’eutanasia legale.

Ritengo infatti che la vita umana vada tutelata dal concepimento alla morte naturale. L’aborto è un omicidio perché l’embrione e a maggior ragione il feto sono vite umane e persone come noi. Dico no a questa cultura della morte e dei presunti diritti civili, che in realtà sono la manifestazione di quel pensiero nichilista che vuole abbattere la cultura buona della fede cristiana che non solo ci appartiene ma è tradizione da mantenere.

Con coerenza dico NO all’aborto, all’eutanasia e anche alla pena di morte: infatti insieme a molte associazioni ho voluto fortemente che Luino diventasse Città per la Vita – Città contro la pena di morte.

Chiedo tuttavia ai promotori di questo quesito: perché ritenete l’aborto e l’eutanasia diritti umani e civili e invece solo la pena di morte un delitto di stato? Sono tutti e tre attentati alla vita delle persone, perché fate queste differenze? Il feto, il condannato a morte e il malato terminale sono sempre figli di Dio amati, e meritano tutto il nostro amore e sostegno e non di essere trattati da merce di scarto.

Propongo pertanto ai promotori del referendum un dibattito a più voci sull’eutanasia e se si vuole sui temi della vita. A chi appartiene la nostra vita?
Secondo me la vita è dono di Dio ed è un bene indisponibile e non può essere autodeterminata. Sono convinto che la maggioranza degli italiani sul tema eutanasia non la pensi esattamente come i promotori di tale quesito.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127