EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 13 Maggio 2021

Anche il Parco Campo dei Fiori nel Piano di Riqualificazione del corridoio ecologico del Ticino

Trenta gli enti che hanno collaborato alla stesura del testo coordinati dall’Istituto Oikos. A causa degli eventi catastrofici il Parco è un “laboratorio interessante”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Trenta enti italiani e svizzeri hanno lavorato al Piano di Riqualificazione del Corridoio Ecologico del Fiume Ticino 2021-2031, un documento che sancisce l’unione degli sforzi dei due Paesi per proteggere e valorizzare la biodiversità del territorio fluviale promuovendo anche il benessere sociale ed economico delle comunità.

Grazie al finanziamento dell’Endangered Landscape Programme, l’Istituto Oikos ha coordinato – tra novembre 2019 e febbraio 2021 – l’elaborazione di questo piano riuscendo, appunto, ad aggregare le amministrazioni e gli enti di territori a cavallo della frontiera italo-elvetica che, fino a questo momento, pur impegnati da tempo nella tutela di questo particolare ecosistema, non si sono mai coordinati su vasta scala.

Il documento è frutto del lavoro congiunto di amministrazioni pubbliche (Canton Ticino, Provincia di Pavia e Provincia di Varese, ERSAF, Ente Nazionale Risi, Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, Associazione di Irrigazione Est Sesia), aree protette (Parco Lombardo Valle del Ticino, Parco Ticino Lago Maggiore, Fondazione Bolle di Magadino, Parco Regionale Campo dei Fiori), organizzazioni della società civile (come LIPU, FICEDULA, CIRF), enti di ricerca (Università dell’Insubria, di Milano, di Pavia e di Torino) e società private (Graia, Idrogea Servizi, Etifor).

Il Parco Campo dei Fiori, in particolare, ha voluto mettere sul tavolo di lavoro l’importante tematica della calibrazione di un modello di simulazione delle dinamiche forestali sensibile ai cambiamenti climatici avvalendosi dell’aiuto del Prof. Vacchiano dell’Università degli Studi di Milano.

“Il Parco – spiega l’ente stesso – si presenta infatti, a causa degli eventi catastrofici che lo hanno colpito negli ultimi anni, come un laboratorio assolutamente interessante, tanto che è stata già redatta una richiesta di finanziamento per l’azione ‘Extreme events and landscape restoration: improving resilience’”, presentata dal dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate dell’Università dell’Insubria insieme a quello di Scienze agrarie e ambientali dell’Università di Milano.

Per maggiori informazioni e per visionare il Piano: www.istituto-oikos.org/progetti/elp-ticino

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127