Milano | 12 Maggio 2021

Migranti, “In Lombardia 112 mila irregolari. Occorre cambiare le regole”

L'assessore alla Sicurezza De Corato lancia un appello al Governo per intensificare le trattative europee volte ad ottenere la redistribuzione obbligatoria. I dati

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

E’ necessario che l’Europa esca dall’ottica della redistribuzione su base volontaria dei migranti per passare ad un approccio diametralmente opposto: quello del ricollocamento obbligatorio, in modo tale che l’incombenza non gravi solo ed esclusivamente sulle autorità italiane.

E’ questo in sintesi il concetto espresso, con il carattere di una criticità considerata prioritaria, dall’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato, nel corso dell’ultima seduta della Commissione Immigrazione della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. Il tema era all’ordine del giorno, alla voce “recrudescenza del fenomeno migratorio”.

“La Commissione, accogliendo una mia proposta, redigerà un documento per evidenziare le preoccupazioni delle regioni – ha commentato l’assessore – e per sollecitare il Governo a mettere in campo interventi concreti”.

A nome della Regione Lombardia, l’assessore ha poi evidenziato il numero degli sbarchi registrati dall’inizio dell’anno ad oggi: 13.008. “Un numero elevato – ha aggiunto ancora De Corato – se messo a confronto con le cifre del 2020 (4.184 casi) e del 2019 (1.077) nello stesso periodo. Altro dato significativo è che il 13% dei richiedenti asilo è ospitato nelle strutture della Lombardia. Nella nostra regione circolano 112 mila irregolari, dei quali 50 mila solo a Milano”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127