EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 26 Aprile 2021

Basket, una sconfitta salva Varese dalla retrocessione

I biancorossi perdono contro Trieste (73-79) ma la vittoria della Fortitudo su Cantù consegna loro la salvezza aritmetica. Missione compiuta per Bulleri

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(Foto di copertina © Alberto Ossola) Varese perde contro Trieste ma è una sconfitta che dà sollievo perché ora è ufficialmente chiuso il discorso salvezza.

Gli uomini di Massimo Bulleri vedono il capolinea con un turno di anticipo, per mezzo dei risultati giunti dagli altri campi, in particolare dalla Unipol Arena, dove la Fortitudo, vincendo e dunque salvandosi a sua volta, ha condannato Cantù alla retrocessione.

La Openjobmetis è matematicamente salva nonostante il 73-79 che ha chiuso la sfida con i giuliani, ora certi del settimo posto in griglia playoff. Niente scontenti alla Enerxenia Arena di Masnago a margine del ventinovesimo e penultimo turno che ha segnato il raggiungimento degli obiettivi a cui era appesa la stagione di entrambe le contendenti.

Grande l’equilibrio sul parquet, per quasi tutta la gara. Un equilibrio interrotto soltanto dai parziali messi in fila dalle due compagini: il 16-2 in favore di Trieste nel secondo quarto e quello altrettanto importante di Varese nel terzo, un 13-0 che ha lasciato a secco gli ospiti per quattro minuti, grazie ad una difesa forte e ad una lotta a rimbalzo che Varese ha condotto con determinazione (c’è la doppia doppia di Egbunu ma ci sono anche i 15 punti realizzati da seconde chance conquistate sotto canestro).

Nel mezzo una grande prova di Anthony Beane, capace di porre un freno al buon ritmo dei giuliani nel secondo quarto, chiuso a 14 punti con cui l’ex Roma ha fatto fronte alle lacune offensive dei lunghi. Nella parte conclusiva del terzo periodo Varese ha cambiato improvvisamente volto dopo il parziale che ha illuso rispetto alle sorti di Trieste, tra palle perse per distrazioni e rotazioni saltate. La squadra bella e coraggiosa, ma anche quella che perde lucidità. I limiti e il duro sacrificio per superarli sono i fattori che insieme hanno fatto da cornice all’intera stagione biancorossa: luci e ombre che hanno accompagnato, quasi per un gioco del destino, anche durante quaranta minuti decisivi del campionato.

Quando Trieste è scappata via, trascinata dai centri di Doyle ed Henry (rispettivamente 16 e 11 punti a fine gara) con Varese tagliata fuori perché orfana delle triple di Beane e Douglas nella fase cruciale del match, mancavano giusto una manciata di minuti alla sirena che ha spazzato via gli incubi, insieme al sogno playoff recentemente maturato in seguito agli eventi imprevedibili dell’ultimo mese e mezzo in casa Varese.

Niente playoff per il team prealpino ma quella missione salvezza, ora definitivamente compiuta, è molto più di un premio di consolazione. E’ il raggiungimento di un traguardo che, a conclusione di un’annata davvero complicata, vale quanto una post season.

PALLACANESTRO OPENJOBMETIS VARESE-ALLIANZ PALLACANESTRO TRIESTE: 73-79 

Pallacanestro Openjobmetis Varese: Beane 19, Morse, Scola 5, De Nicolao 6, Ruzzier 11, Strautiņš 2, Egbunu 14, De Vico ne, Ferrero 2, Douglas 14, Virginio ne, Van Velsen ne. Coach: Massimo Bulleri.

Allianz Pallacanestro Trieste: Coronica ne, Upson 2, Laquintana 11, Delia 13, Henry 11, Cavaliero, Da Ros 7, Grazulis 6, Doyle 16, Alviti 13. Coach: Eugenio Dalmasson.

Arbitri: Begnis – Di Francesco – Morelli.

Parziali: 20-15; 17-25; 16-13; 20-26. Progressivi: 20-15; 37-40; 53-53; 73-79.

Note – T3: 7/30 Varese, 9/26 Trieste; T2: 20/38 Varese, 21/39 Trieste; TL: 12/18 Varese, 10/13 Trieste. Rimbalzi: 40 Varese (Egbunu 13), 40 Trieste (Delia 9); Assist: 10 Varese (Ruzzier 5), 15 Trieste (Doyle 8).

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127