EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Alto Varesotto | 3 Marzo 2021

“Strade Pulite”, ancora inciviltà tra Valcuvia e Valganna: raccolte decine di sacchi di rifiuti

Nell’ultima settimana i volontari, capitanati dall’instancabile Ermanno Masseroni, si sono imbattuti anche in alcuni bivacchi di spacciatori tra Ganna e Bedero

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’inciviltà è un fenomeno dalle molteplici sfaccettature, ma in ogni caso è un problema complesso, sempre più presente sul territorio e molto sentito dalle comunità locali che spesso segnalano gli episodi sui social o alla stampa o si rimboccano le maniche in prima persona per provare a porvi almeno un argine.

È quest’ultimo il caso del collettivo “Strade Pulite” che ormai da diverso tempo si dà da fare, senza sosta, per raccogliere ingenti quantità di rifiuti di ogni genere che vengono abbandonati sulle principali arterie stradali dell’alto Varesotto o nelle aree boschive limitrofe.

Nel corso dell’ultima settimana di febbraio e in questi primi giorni di marzo, l’instancabile Ermanno Masseroni, insieme ai volontari di lungo corso come Andrea della Fontana e alle nuove leve che stanno arricchendo il gruppo, ha setacciato nuovamente la Valganna e la Valcuvia.

In tre giorni, nel territorio di Induno Olona, oltre ai “soliti” sacchi di indifferenziata, vetro e lattine (una sessantina in tutto), sulla SS233 i volontari hanno raccolto alcuni copertoni, circa 200 mascherine – i cosiddetti “nuovi rifiuti” della pandemia – e altro materiale vario, compresa una collezione di videocassette hard.

Scendendo tra Ganna e Bedero Valcuvia, lo scorso 27 febbraio, gli attivisti si sono trovati davanti anche un gazebo e diverse siringhe, segno della presenza di alcune postazioni di spacciatori – anch’esse colme di rifiuti – poi avvistate all’interno del bosco. I volontari hanno immediatamente allertato i carabinieri della stazione di Cuvio, che a pochi giorni dallo smantellamento di un bivacco tra Brinzio e Castello Cabiaglio hanno effettuato un nuovo sopralluogo nella zona indicata, proseguendo così nella difficile e strenua lotta contro lo spaccio nei boschi del Luinese.

Nel finesettimana raccolta un’altra trentina di sacchi tra spazzatura mista, lattine e vetri in Valganna, mentre ieri, martedì 2 marzo, Masseroni si è spostato sulla SP62, da Rancio Valcuvia al bivio per Bedero: altre quattro ore di lavoro, altri sacchi riempiti con i rifiuti raccolti oltre a tre bidoni di colore pieni, una valigia, una vecchia radio, un casco e una tanica di olio motore.

Insomma, nel complesso i volontari – ora attivi anche nell’alto Milanese – si sono impegnati in un monte ore di lavoro che, sommato, supera di sicuro quello di un’intera giornata, scoprendo e raccogliendo una quantità di spazzatura che non può lasciare certo indifferenti: i ringraziamenti e i complimenti dei semplici cittadini e delle amministrazioni fanno certamente piacere, ma l’intenzione del collettivo è senz’altro quella di portare avanti una sensibilizzazione sul tema che conduca a gesti sempre più concreti per combattere questo genere di episodi.

Per maggiori informazioni sulle attività di “Strade Pulite”, è possibile consultare la pagina Facebook dedicata.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127