EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 10 Febbraio 2021

Luino, il centro sportivo “Le Betulle” per ora non riapre

Fumata nera dopo l'incontro di ieri tra amministrazione e Sport Management. L'assessore Ivan Martinelli: "La società ha intenzione di mantenere gli impegni"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Nessuna buona nuova per il centro sportivo “Le Betulle” di Luino, che rimarrà chiuso anche nei prossimi giorni. Si è evinto questo ieri mattina, dall’incontro durato un’ora e mezza circa a Palazzo Serbelloni tra l’amministrazione comunale guidata da Enrico Bianchi e i vertici della società che gestisce la struttura, Sport Management.

A fare il punto della situazione, che preoccupa centinaia di famiglie in tutto il territorio luinese, è stato l’assessore allo Sport, Ivan Martinelli: “Abbiamo espresso tutta la nostra preoccupazione per quanto sta avvenendo. Rispetto all’estate scorsa, dove il problema principale era il Covid, al virus ora si è aggiunto anche il concordato preventivo richiesto dalla società al tribunale. In una prospettiva di soluzione negativa per l’amministrazione comunale e per tutta la cittadinanza sarebbe un duro colpo”.

Dal canto loro i dirigenti di Sport Management hanno provato a tranquillizzare l’assessore, affermando che hanno intenzione di mantenere tutti gli impegni, nonostante il periodo di grande difficoltà. “Il 22 febbraio è il termine per la presentazione del piano economico da presentare al giudice – continua Martinelli -, ma la sensazione è che verrà richiesta la proroga di un paio di mesi. Questo qualche timore in più ce lo pone, ma il loro quadro patrimoniale è omogeneo anche nelle altre strutture, nonostante ogni gestione sia fine a sé stessa. A Luino, infatti, non vi sono canoni, ma secondo la convenzione sottoscritta nel 2018 la società non è tenuta a versare alcun canone ma ha l’obbligo di realizzare, secondo la dinamica del project financing, interventi significativi sulla struttura e sugli impianti per un valore di oltre 900mila euro. Ora ci sono due binari che si possono percorrere, e abbiamo chiesto con fermezza chiarezza“, continua Martinelli.

Il primo prevederebbe la totale riapertura della struttura, comprese le piscine e la palestra, mentre l’altro, che avrebbe meno costi e più facilità di gestione, solo la riapertura del PalaBetulle, per il basket, e dei campi da tennis, per le attività del Tennis Club Luino”. In questo momento, infatti, le due società hanno trovato impianti per gli allenamenti in altri paesi della zona.

Amministrazione e SM si sono dati appuntamento, per un nuovo incontro, fra due settimane circa, dove la società dovrà presentare un piano per una visione futura nel lungo e nel breve termine. In quest’ultimo caso anche solo per garantire una ripresa a “regime ridotto”.

È del tutto evidente che ci sia l’urgenza di riaprire gli impianti extra piscina che interessano le pratiche del basket e del tennis, le cui associazioni stanno sopportando disagi e impedimenti che invece in questa fase di ripartenza non dovrebbero avere – va avanti Martinelli -. Sono in stretto contatto con i presidenti delle due associazioni con cui stiamo valutando ogni possibilità per limitare i disagi e garantire ripartenza in sicurezza”.

“Il Comune cercherà da una parte di tutelare il patrimonio, per fare in modo che venga conservato in maniera adeguata con manutenzione e interventi previsti per quanto possibili, mentre dall’altra di sostenere le associazioni sportive, che in questo momento sono in grande sofferenza”, conclude l’assessore.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127