EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 17 Settembre 2020

Luino, elezioni: “Quello che giovani e lavoratori ci chiedono”

Alessandro Franzetti, candidato per "Sogno di Frontiera", ribadisce le priorità del suo impegno, tra coworking, frontalieri, trasporti. "Nessuno sarà lasciato indietro"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Politiche giovanili, lavoro, trasporti: sono questi i tre principali temi su cui l’ex presidente del consiglio comunale, Alessandro Franzetti, torna oggi a ragionare, in vista delle Amministrative luinesi, ad alcune settimane dalla sua presentazione come candidato consigliere della lista “Sogno di Frontiera”, e a pochi giorni ormai dall’appuntamento con le urne, previsto per domenica e lunedì.

Franzetti, che ha descritto la lista nata a sostegno della candidatura di Franco Compagnoni a futuro sindaco della città lacustre come un mix di esperienza ed energia, riporta in primo piano le necessità da fronteggiare per offrire qualcosa di diverso alle nuove generazioni sotto il profilo lavorativo e dunque del futuro di tanti ragazzi e ragazze. Un futuro che spesso è lontano, per tutta una serie di fattori limitanti, dalla città che amano.

Uno di questi fattori, nella visione di Franzetti, può essere affrontato pensando e allestendo luoghi di coworking, per limitare le spese di avvio delle attività di chi vuole mettersi in gioco, facendo leva su passioni e competenze, e per incentivare la collaborazione tra giovani talenti.

La nostra città invecchia sempre di più ed è un grave danno la fuga delle giovani generazioni, che per realizzarsi devono spesso trasferirsi altrove – sottolinea Franzetti -. Pertanto dobbiamo fare di tutto per evitare questo. Inoltre, sempre in ambito di politiche del lavoro, vanno difesi e sostenuti i quasi tremila frontalieri che ogni giorno si recano a lavorare oltre confine, spesso con l’ostilità di alcune forze politiche elvetiche: dovremmo creare spazi di incontro con loro, aiutandoli nel disbrigo delle pratiche che spettano al Comune e in generale favorendo la loro presenza in città”.

Altro capitolo caro a Franzetti, in relazione al programma di “Sogno di Frontiera”, è quello relativo ai trasporti, come detto. Sul peso ricoperto dalla qualità dei mezzi pubblici, all’interno della vita quotidiana dei luinesi, è necessaria una svolta che per il candidato consigliere ha coordinate ben precise, oggi nuovamente ribadite: “Il treno per Milano in un’ora, il collegamento con Novara, il collegamento con Varese tramite l’unificazione delle stazione di Laveno Mombello, il ripristino del TILO per Malpensa e il potenziamento dei collegamenti con la Svizzera non sono solo fattibili. Sono doverosi“.

Tutto ciò servirà, nella visione di Alessandro Franzetti, per uscire da un cronico isolamento e per aprire nuovi spiragli di vita luinese, a contatto con il territorio e con una città che aspetta cambiamenti importanti anche lontano dal centro, ampiamente riqualificato negli ultimi cinque anni.

“Per me queste sono le priorità per Luino – conclude il candidato -, pertanto se sarò eletto mi batterò per realizzarle, per una città sempre più vivibile e in cui nessuno sia lasciato indietro“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127