Cuveglio | 30 Luglio 2020

Problemi con l’acqua a Vergobbio? Il sindaco Paglia chiarisce la situazione

Dopo la lettera di critiche inviata da diversi cittadini della frazione di Cuveglio, è il primo cittadino ad intervenire sul tema spiegando tutti i dettagli

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Negli scorsi giorni un gruppo di cittadini di Vergobbio, frazione di Cuveglio, avevano denunciato l’interruzione improvvisa di erogazione dell’acqua potabile, all’interno delle loro abitazioni. Una situazione che a detta dei residenti si verifica sempre più frequentemente a causa dello stato di degrado dell’acquedotto.

Oggi, però, a rispondere ai cittadini è direttamente il sindaco Francesco Paglia, che ha approfondito il tema, affrontando le critiche rivolte dalla popolazione alla sua amministrazione e comprendendo l’esasperazione delle persone.

Da anni, infatti, la richiesta è quella di risolvere questo problema, ma ancora nessun intervento è stato messo in atto per fare in modo che la fornitura idrica sia regolare.

Ecco la lettera inviata dal primo cittadino Francesco Paglia.

Non è mia abitudine intervenire in discussioni relative ai metodi operativi del Comune; sono queste discussioni che sovente non prendono in considerazione una serie di complessi fattori tecnici cruciali. Comprendo e condivido nello stesso tempo l’esasperazione dei cittadini che da anni chiedono che venga risolto un problema, che è francamente primario, come l’approvvigionamento dell’acqua, e che non lo vedono risolto.

Ritengo però necessario, in questo caso, chiarire alcuni punti non tanto per difendere l’operato dell’amministrazione ma per dare la giusta evidenza al molto lavoro portato avanti in questi mesi con abnegazione, sacrificando tempo ed operando sovente anche in orari notturni da operai, idraulici, professionisti e personale tecnico comunale.

Non è nemmeno nostra abitudine dare “colpe” a chi ci ha preceduto o scaricare le responsabilità su altri enti. E’ questa una modalità operativa che non appartiene a questa amministrazione.

Ascoltare, progettare, fare ne abbiamo diffusamente parlato, rivendichiamo con forza questa modalità operativa che non è sicuramente populista, che non genera immediato consenso, ma è l’unica che garantisce risultati duraturi nel tempo. Quando c’è un problema va risolto questo è il nostro obiettivo.

Ma veniamo alla questione in oggetto. Appena eletti abbiamo preso in considerazione due seri problemi della rete idrica di Vegobbio.

– Il primo relativo agli allagamenti nella parte bassa del paese in coincidenza di piogge particolarmente abbondanti e violente.
– Il secondo consistente nella cronica mancanza d’acqua in alcuni edifici siti nella parte alta del Paese.

Per quanto riguarda il primo punto abbiamo già riferito come e in che modo abbiamo posto rimedio, quello che abbiamo fatto, quello che stiamo facendo e quello dobbiamo ancora fare. Teniamo in ogni modo conto che qualsiasi intervento specialistico ha un limite intrinseco dato dai parametri tecnici di riferimento che, nello specifico caso, sono l’intensità e dalla durata dell’evento atmosferico .

Per quanto riguarda la cronica mancanza d’acqua parto da un’osservazione che potrà sembrare ovvia: per risolvere un problema bisogna conoscerne le cause che lo generano. Tutti gli interventi messi in atto in passato si ponevano invece l’obiettivo di risolvere il problema senza valutarne la causa. Abbiamo quindi agito su due direttrici: la ricerca delle cause e i l contenimento dei disagi per la popolazione.

Dopo una prima fase di studio nel mese di settembre/ottobre 2019 abbiamo sostituito le pompe nel bacino, per tre mesi non si sono verificati cali di pressione e l’erogazione dell’acqua è stata regolare. Nei mesi di lockdown si sono ripresentati i cronici problemi ma non è stato possibile svolgere attività sul campo ci siamo dovuti limitare al contenimento dei disagi. Abbiamo ad ogni buon conto monitorato giornalmente pressione dell’impianto e livello dei bacini intervenendo sovente prima che pervenissero in Comune segnalazioni relative a disservizi.

Nei mesi seguenti abbiamo elaborato e condiviso con Alfa Srl un piano di lavoro relativo allo stato della rete idrica, evidenziando criticità e punti di debolezza attività questa propedeutica all’imminente cessione della rete idrica.

Vorrei sottolineare che i rapporti tra Alfa Srl e Amministrazione Comunale di Cuveglio non sono assolutamente conflittuali, anzi, si è instaurato un rapporto di massima trasparenza, collaborazione e stima reciproca. Alfa srl è una società dalle grandi potenzialità alla quale abbiamo trasmesso tutte le nostre conoscenze e i risultati delle attività da noi condotte. Da qui Alfa Srl ha proseguito con ulteriori studi e approfondimenti mettendo in campo strutture operative e tecniche dedicate notevolmente superiori alle nostre.

Stiamo tuttora collaborando alla ricerca di una definitiva soluzione resa complessa da una disarmonica crescita della rete idrica avvenuta per successive dilatazioni, sovrapposizioni, implementazioni non governate da un progetto globale di sviluppo e non mappata.

Non si tratta quindi, né di promesse non mantenute, né di disinteresse, né di incuria ma solo dell’attivazione di un processo, che rivendico come corretto ed unico in grado di produrre risultati stabili nel tempo che, pur non essendo giunto ancora a conclusione, vedrà nel breve risolti i problemi che da oltre 10 anni sono stati trascurati.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127