EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Italia | 20 Maggio 2020

Renzo Pasolini, 47 anni fa l’incidente mortale a Monza

Il ricordo del pilota scomparso nel 1973, insieme al finlandese Saarinen, da parte del luinese Giordano Bronzi: "Disponibile, cordiale e sempre pronto allo scherzo"

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Sono trascorsi ben 47 anni da quel 20 maggio 1973, quando in un tragico incidente sportivo avvenuto durante il Gran Premio delle Nazioni, all’Autodromo di Monza, persero la vita due grandi campioni del motociclismo, Renzo Pasolini e il finlandese Jarno Saarinen. Altri tredici piloti rimasero feriti nello scontro, tra cui anche Walter Villa, rimasto in coma diversi giorni prima di riprendersi.

La morte di “Paso”, appena trentaquattrenne, fu una grave e dolorosa perdita per tutti i dipendenti della scuderia Aermacchi H-D, per il padre ex-corridore Massimo, la famiglia e i tantissimi appassionati e tifosi di motociclismo.

Noto per gli epici duelli in pista con Giacomo Agostini, Mike Hailwood e Phil Read, Pasolini lavorava anche all’Aermacchi come addetto alle Pubbliche Relazioni. Un collega luinese ricorda ancora oggi le tante ore trascorse a discutere e analizzare la corsa della domenica e le sfide con gli avversari, dipingendolo come una persona disponibile, cordiale, generosa e sempre pronta allo scherzo, da buon romagnolo.

Fu la sua professionalità di pilota e collaudatore che permise di sviluppare la moto (fra i cui progettisti figura anche un altro luinese) che venne poi portata al successo da Walter Villa, consentendogli di vincere tre titoli mondiali, quelli che Pasolini non riuscì mai ad agguantare nonostante le sue grandi doti agonistiche.

(Fonte dell’immagine: Wikimedia Commons)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127