EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 12 Maggio 2020

Luino, “Perchè non possiamo assistere in diretta streaming al consiglio comunale?”

Gli attivisti M5S rilanciano il quesito, già oggetto di discussioni, e lamentano la mancanza di considerazione su altre richieste. Dal Comune: "Una questione tecnica"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Per il gruppo di attivisti “Luino 5 Stelle” l’utilizzo delle riprese a mezzo streaming nelle sedute del consiglio comunale, è considerato un traguardo in termini di trasparenza e di maggior interazione con i cittadini per quanto concerne il confronto su tematiche che riguardano la vita quotidiana della comunità.

Un traguardo importante, accolto come tale fin dall’introduzione del meccanismo, avvenuta nell’inverno di due anni fa, e per la quale il gruppo stesso si era impegnato in prima linea con una lunga campagna di sensibilizzazione. Ma perché, ancora oggi, quelle riprese sono disponibili online (tramite il nuovo portale civicam o sul canale Youtube dell’ente) solo a qualche ora di distanza dalla fine di ogni seduta?

A chiederselo sono i pentastellati del gruppo, che con una lettera inoltrata alla nostra redazione rilanciano la necessità di un ulteriore passo in avanti, la trasmissione in diretta delle sedute, lamentando inoltre la mancanza totale di considerazione, da parte di maggioranza e minoranza, in merito ad una serie di proposte avanzate nelle ultime settimane su tematiche quali il 5G, la difesa dell’ospedale di Luino, il rilancio post pandemia, il Piano di governo del territorio.

Di seguito alleghiamo il testo completo del messaggio.

Ci domandiamo per quale motivo non sia possibile assistere in diretta al consiglio comunale. Ormai tutti sanno che è sufficiente mettere a disposizione il link per consentire di assistere ai lavori semplicemente ed in diretta.

Notiamo con rammarico che maggioranza e minoranza continuano a non tener conto delle nostre proposte e osservazioni, dimostrando mancanza di senso civico e contravvenendo a ciò che prevede il regolamento comunale, cio+ accogliere le interpellanze poste da gruppi di cittadini.

Il riferimento va diretto alle proposte di strategie per il rilancio del “dopo Covid”, alla forzatura nel voler approvare il Pgt (Piano di governo del territorio, ndr) tra gli ultimi atti straordinari di governo, alla richiesta di chiarezza dopo l’ambigua posizione sul 5G, alla latitanza rispetto alla difesa del presidio ospedaliero luinese, alla scelleratezza mostrata nell’accendere mutui per spese non prioritarie. E potremmo continuare con il lungo elenco…

Siamo certi che, al contrario, ritroveremo le promesse di ascoltare, concertare e valutare le proposte di tutti durante la prossima campagna elettorale. Questo feeling, instaurato tra maggioranza e opposizione, continua a crescere e non lascia presagire nulla di buono, o di nuovo, per il futuro del comune.

Ci piace infine ricordare che lo strumento di riprese audiovideo dei consigli comunali è stato il risutlato di una nostra dura battaglia, con la giunta che in prima battuta si era opposta dicendo ci volessero oltre 30mila euro per metterlo in funzione.

Dal Comune, però, arriva una spiegazione: la questione è nota ed è prettamente tecnica. Da quanto si apprende, infatti, alcuni problemi con internet rendono la linea poco sicura, perchè c’è la possibilità che il segnale salti tralasciando intere parti di dibattiti sui canali istituzionali di Palazzo Serbelloni. Per questa ragione, per garantire ai cittadini l’interezza della visione, il video del girato delle riprese delle assemblee cittadine viene caricato su YouTube, anche prima nel periodo prima della pandemia, poco tempo dopo la conclusione delle sedute.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127