Roma | 30 Aprile 2020

Frontalieri, “Entro il 4 maggio riaprono altri valichi. Continua il lavoro del Governo”

Ad annunciarlo stamane è stato il senatore Pd Alessandro Alfieri, insieme agli altri parlamentari varesini. Anche il premier Conte è intervenuto parlando con Berna

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Entro lunedì 4 maggio saranno riaperti altri valichi tra Italia e Svizzera. É un risultato del lavoro della nostra diplomazia e del Governo, che ha visto impegnato anche il premier Conte”. A riferirlo è il senatore del Partito democratico, Alessandro Alfieri, impegnato insieme ad altri parlamentari rappresentanti del territorio come Niccolò Invidia (M5S) e Maria Chiara Gadda (IV).

Da lunedì sarà quindi più scorrevole il passaggio della frontiera per i nostri lavoratori e si creeranno meno imbuti alle dogane principali – continua Alfieri -. Non tutti i valichi però riapriranno, il trattato di Schengen è sospeso e quindi Italia e Svizzera apriranno solo le dogane che sarà possibile presidiare per mettere in campo tutti i controlli necessari per contrastare la diffusione del Coronavirus” .

Da quanto si apprende saranno tre le dogane nell’alto Varesotto che riapriranno e che si andranno ad aggiungere a Lavena Ponte Tresa, Zenna e Gaggiolo, con l’obiettivo di rendere il traffico più scorrevole a quei migliaia di frontalieri che quotidianamente, dopo la riaperture di alcune attività, si recano al lavoro in Canton Ticino.

“Siamo soddisfatti per l’allentamento delle restrizioni d’entrata in Svizzera. Dall’11 maggio – spiega il deputato 5 Stelle Niccolò Invidia -, sarà inoltre nuovamente possibile il ricongiungimento familiare in Svizzera per i cittadini svizzeri e dell’UE. I controlli alla frontiera saranno per contro mantenuti”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127