Milano | 20 Aprile 2020

Coronavirus e riapertura Lombardia, M5S: “Chi va piano… Va sano e lontano”

Il capogruppo del M5S Lombardia Marco Fumagalli: "Non è possibile pensare che la Lombardia riapra il 4 maggio, i numeri sono ancora troppo alti"

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Per Marco Fumagalli il capogruppo del M5S Lombardia: “Non è possibile purtroppo al momento pensare che la Lombardia possa essere tra le prime a riaprire. Non si può scherzare con la vita dei cittadini, dei lavoratori e delle loro famiglie. I numeri sono ancora alti e i contagi sono fuori controllo”.

Il portavoce regionale spiega: “La riapertura andrà effettuata solo con dati precisi dei contagiati e dei decessi e con le ATS pronte a fare controlli e verifiche in tutte le aziende. Al momento non ci sono garanzie in questo senso e deve essere conciliata la necessità di sicurezza con procedure semplici, chiare e solide”.

“La fase due sarà quella dei protocolli di sicurezza, delle mappature e delle garanzie per genitori su figli e sugli anziani” aggiunge Fumagalli.

Chi va piano va sano e va lontano: va pianificata ogni azione con estrema attenzione, coinvolgendo tutte le parti politiche, per evitare che il contagio riparta. Tutti vogliamo ripartire, ma dobbiamo farlo con la testa e non con gli slogan e la propaganda. Nuovi focolai sarebbero una catastrofe”, conclude il portavoce regionale.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127