Luino | 5 Aprile 2020

Coronavirus, Luino: la Comunità Pastorale è pronta a vivere la Settimana Santa

Tutte le celebrazioni saranno trasmesse in diretta Facebook. Ecco il programma e il consueto messaggio domenicale del prevosto e dei sacerdoti

Tempo medio di lettura: 3 minuti

La Comunità Pastorale “Madonna del Carmine” di Luino si prepara, come tutte le altre comunità cristiane, a vivere i riti della Settimana Santa in un modo inedito, dettato dagli ormai noti decreti volti ad arginare e a prevenire la diffusione del Coronavirus. In questo periodo così particolare, per manifestare ulteriormente la propria vicinanza a tutti i luinesi, il prevosto don Sergio Zambenetti, ha deciso di pubblicare ogni giorno una breve riflessione sui canali social della Comunità Pastorale.

Dal momento che le norme prevedono che le celebrazioni eucaristiche possano essere svolte senza il concorso di popolo, si provvederà (come accade già da molte domeniche) a trasmettere i vari momenti liturgici in diretta Facebook sulle pagine della Comunità Pastorale e dell’Oratorio San Luigi di Luino. Si ricorda che, sempre in ragione dell’emergenza sanitaria, non è possibile amministrare il sacramento della penitenza, ma nel nuovo numero del bollettino “Oltre l’apparenza” (consultabile cliccando qui) è presente un breve trafiletto che chiarisce maggiormente la situazione.

Questo il programma delle celebrazioni in diretta Facebook:
– Giovedì Santo: S. Messa alle ore 20.45.
– Venerdì Santo: Celebrazione della Passione del Signore alle ore 15.00.
– Sabato Santo: Veglia Pasquale alle ore 20.45.
– Domenica di Pasqua: S. Messa alle ore 10.00.
– Lunedì dell’Angelo: S. Messa alle ore 10.00.

Ulteriori informazioni sugli orari delle celebrazioni diocesane e papali si trovano sempre sul bollettino comunitario.

Di seguito il messaggio che don Sergio, don Ennio, don Franco, don Ilario, don Massimiliano e il diacono Gabriele hanno rivolto ai luinesi per questa Domenica delle Palme:

“Con questa domenica delle palme entriamo nella Settimana Santa, la liturgia ambrosiana la chiama Settimana autentica. Certo sarà una Settimana santa che ricorderemo per tutta la vita a causa delle restrizioni dovute alla pandemia del coronavirus, ma sarà forse veramente autentica, perché ci immedesima nella esperienza di Cristo, che l’ha vissuta come compimento della missione affidatagli dal Padre, perché ogni uomo e donna potesse avere la vita e averla in abbondanza.

Quest’anno ci mancherà la gioia e l’entusiasmo della processione con i rami di ulivo, che di solito accomuna piccoli e grandi nel ricordo della folla esultante di Gerusalemme con il canto dell’Osanna al Figlio di David, benedetto Colui che viene nel nome del Signore. Ci mancherà il ritrovarsi insieme per celebrare il solenne Triduo pasquale nelle nostre chiese, però potremmo viverlo nelle nostre case attraverso una liturgia domestica, cercando di valorizzare alcuni segni, con la preghiera fatta con i membri della propria famiglia, partecipando uniti ai momenti liturgici che saranno trasmessi con i diversi mezzi di comunicazione.

La cosa importante a cui dobbiamo tenere è che il mistero pasquale ci raggiunga per ridare vigore alla nostra vita personale, famigliare, ecclesiale, sociale, proprio in un momento in cui la situazione attuale rischia di rallentare l’ottimismo e la speranza. Per molti questa Settimana Santa è davvero unica, in quanto obbligati a restare in casa, liberi dal lavoro e dalla scuola ci sarà il tempo per leggere, ascoltare, meditare, partecipare anche se da casa ai riti liturgici, scoprendone magari la bellezza e la ricchezza che essi contengono.

Gli strumenti per ottimizzare questo tempo ci sono e in particolare si possono segnalare, tra gli altri, il messaggio di speranza del nostro arcivescovo per questa pasqua 2020 dal titolo “La potenza della sua Resurrezione” e il messaggio per la Giornata Mondiale della Gioventù 2020 di Papa Francesco dal titolo “Giovane, dico a te, alzati”. Il brano a cui si rifà questo titolo è Lc 7,14, in cui viene presentato Gesù davanti alla scena di una madre vedova, addolorata per la morte del suo unico figlio.

Riportiamo una piccola riflessione, tratta dal messaggio di Papa Francesco, che può essere utile in questo momento storico ai giovani, ma anche agli adulti:

“Vedere il dolore e la morte Gesù pone su questa processione funebre uno sguardo attento e non distratto. In mezzo alla folla scorge il volto di una donna in estrema sofferenza. Il suo sguardo genera l’incontro, fonte di vita nuova. Non c’è bisogno di tante parole. E il mio sguardo, com’è? Guardo con occhi attenti, oppure come quando sfoglio velocemente le migliaia di foto nel mio cellulare o i profili social? Quante volte oggi ci capita di essere testimoni oculari di tanti eventi, senza però mai viverli in presa diretta! A volte la nostra prima reazione è di riprendere la scena col telefonino, magari tralasciando di guardare negli occhi le persone coinvolte. Intorno a noi, ma a volte anche dentro di noi, incontriamo realtà di morte: fisica, spirituale, emotiva, sociale. Ce ne accorgiamo o semplicemente ne subiamo le conseguenze? C’è qualcosa che possiamo fare per riportare vita?

Ultimo spunto per vivere bene questa Settimana ci viene dal dipinto di Caravaggio (“La vocazione di San Matteo” ndr), che ci sta accompagnando in questa Quaresima: è il particolare della finestra illuminata dal cono di luce che passa sopra la testa di Gesù e raggiunge Matteo e tutti i personaggi attorno a lui. All’interno della finestra si vede benissimo una croce. Questo ci dice che Dio ci salva, permettendo che suo Figlio amato sia appeso alla croce. L’acclamazione di Gesù nel suo ingresso a Gerusalemme non lo porta a sfuggire dalla via della croce, ma questa sarà la via per la Vita data e ritrovata nella Pasqua.

Buona Settimana Santa.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127