Milano | 24 Marzo 2020

Truffe legate al Coronavirus: “Non bastano le denunce, ci vogliono gli arresti”

L'assessore De Corato commenta la denuncia dei Carabinieri, a Milano, nei confronti di 3 uomini sorpresi a chiedere denaro per l'acquisto di un'ambulanza

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

“Siamo passati dalle truffe agli anziani con la scusa del tampone, alla richiesta di denaro per l’acquisto di autoambulanze. Per questi sciacalli non bastano le denunce, ci vogliono gli arresti“.

Lo afferma l’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, che commenta la denuncia dei Carabinieri a Milano nei confronti di 3 uomini sorpresi a chiedere ai passanti contributi in denaro per l’acquisto di un’ambulanza. La segnalazione ai Carabinieri è arrivata dall’Azienda Regionale di Emergenza Urgenza (Areu).

La truffa è stata scoperta la scorsa domenica, quando i tre sono appunto stati sorpresi a bordo di un’ambulanza, in piazzale Damiano Chiesa. Le Forze dell’Ordine hanno poi scoperto che i tre indagati fanno parte di un’associazione mai ufficialmente accreditata presso Areu, e da un blocchetto di ricevute sequestrato, sono emerse delle offerte a loro favore fatte da ignari cittadini.

“Chiunque si macchi di un reato così subdolo, specialmente in questo periodo – conclude De Corato – deve essere arrestato e condannato a pene esemplari. Come Regione Lombardia nei prossimi mesi manderemo in onda uno spot contro le truffe sulle maggiori tv lombarde”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127