Roma | 12 Marzo 2020

Coronavirus, Alfieri: “Stesse misure in Ticino e in Italia in tempi rapidi”

Richieste per evitare pernottamento forzato dei frontalieri, armonizzare misure restrittive e vigilare che non si proceda a licenziamenti nelle attività non essenziali

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Da ieri siamo al lavoro perché in Canton Ticino ci siano le stesse misure adottate in Italia, unico modo per poter collaborare in maniera efficace al contenimento del virus”, lo dichiara Alessandro Alfieri, senatore e capogruppo del Partito Democratico in commissione Esteri.

Sia direttamente sia tramite il ministero degli Affari Esteri, che ha dimostrato pronta disponibilità, abbiamo chiesto di: intervenire per evitare il pernottamento ‘forzato’ dei frontalieri italiani in Svizzera; armonizzare le misure restrittive e i protocolli di sicurezza per il contenimento del virus; vigilare che non si proceda a licenziamenti nelle attività non essenziali che dovessero essere temporaneamente chiuse”.

Siamo fiduciosi che le risposte arriveranno in tempi brevi – conclude Alfieri – in uno spirito di leale collaborazione fondamentale per vincere una sfida così complessa”.

Il senatore Pd già nella serata di ieri era intervenuto in merito alle misure restrittive disposte dal Canton Ticino, a seguito delle disposizioni indicate dal Governo italiano per contrastare la diffusione e il contagio del Coronavirus.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127